Guglielmo I Bevilacqua

condottiero italiano

Guglielmo I Bevilacqua (Ala, 1272Parma, luglio 1335) è stato un condottiero italiano.

Guglielmo I Bevilacqua
NascitaAla, 1272
MorteParma, luglio 1335
Cause della mortemorte naturale
Luogo di sepolturaChiesa dei Santi Apostoli (Verona)
Dati militari
Paese servitoStemma della Scala.svg Scaligeri
voci di militari presenti su Wikipedia
Stemma dei Bevilacqua.

BiografiaModifica

Era figlio di Federico Bevilacqua, uomo di fiducia di Mastino I della Scala.

Originario di Ala dove svolgeva l'attività di commercio di legname con Verona, grazie all'amicizia con Guglielmo da Castelbarco, entrò nella grazie degli Scaligeri, signori di Verona. Nel 1311 accompagnò Cangrande I della Scala a Milano per l'incoronazione dell'imperatore Enrico VII.

Partecipò all'assedio di Brescia, città guelfa, dove nel 1311 morì Walramo, fratello di Enrico VII. Accolse nel 1312 l'esiliato Dante Alighieri presso la corte scaligera. Nel 1332 venne nominato "fattore generale" dei Della Scala. Per i servizi resi ai signori di Verona, fu da loro concesso di porre nel cimiero dello scudo il cane rosso rampante scaligero.

Guglielmo fece erigere nel 1336 il castello di Bevilacqua, feudo della famiglia, per difendersi dalle potenti famiglie dei Carraresi e degli Estensi. Nel 1335 ricoprì la carica di governatore di Parma, quando la città passò sotto la dominazione scaligera. Qui morì nel 1335 e venne tumulato nella Chiesa dei Santi Apostoli a Verona.

DiscendenzaModifica

Guglielmo sposò nel 1302 la nobile veronese Maria Manzoni dalla quale ebbe cinque figli:

  • Morando
  • Caterina
  • Francesco (1304-1368)
  • Aldissa
  • Cara

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Bevilacqua di Verona, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • Antonio Frizzi, Memorie storiche della nobile famiglia Bevilacqua, Parma, 1779

Voci correlateModifica