Apri il menu principale

Guglielmo Lamormaini

gesuita e teologo austriaco
Guglielmo Lamormaini

Guglielmo Lamormaini (15701648) è stato un gesuita e teologo austriaco.

Gesuita, fu confessore dell'Imperatore Ferdinando II.

BiografiaModifica

Lamormaini studiò a Treviri e proseguì a Praga, dove ricevette il grado del suo dottorato, e nel 1590 entrò nella Compagnia di Gesù. Si recò quindi all'Università di Graz come professore di filosofia nel 1600, divenne professore di teologia nel 1606 e nel 1614 fu nominato rettore dell'Università Gesuita locale.

Tra gli anni 1621 e 1623 visse a Roma, nel 1637 divenne rettore dell'Università accademica di Vienna. Alla morte del collega Martin Becanus divenne confessore di Ferdinando II e in questa veste il suo nome appare negli affari politici del tempo.

Fu stimato e influente consigliere dell'imperatore, tanto che i suoi nemici consideravano i Gesuiti come i reali governatori dell'impero. Quando nel 1629 i protestanti furono costretti dall'Editto di restituzione a rinunciare ad ogni proprietà ecclesiastica a vantaggio dei cattolici, Lamormaini ne fu la vera anima e artefice, oltre che regista.

Rappresentò la parte principale della Controriforma in Austria, Stiria, Boemia, e Moravia.

Lamormaini fu un grande dotto, pio, senza pretese, e di abitudini spartane. Papa Urbano VIII lo definì: «...verus et omnibus numeris absolutus Jesu socius» cioè "un vero e perfetto compagno di Gesù".

OpereModifica

Fu autore di un'importante biografia di Ferdinando II dal titolo: Ferdinando II, Romanorum Imperatoris, Virtutes.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10642032 · ISNI (EN0000 0001 1038 1896 · LCCN (ENn80140059 · GND (DE118778552 · BNF (FRcb11954937p (data) · CERL cnp01319259