Guillaume Bigourdan

astronomo francese
Guillaume Bigourdan

Guillaume Bigourdan (Sistel, 6 aprile 1851Parigi, 28 febbraio 1932) è stato un astronomo francese.

Nel 1877 fu nominato assistente astronomo all'osservatorio di Tolosa da Félix Tisserand e nel 1879 segì quest'ultimo all'osservatorio di Parigi quando Tisserand ne divenne direttore. Trascorse diversi anni nella verifica della posizione di 6380 nebulose. Cercò di fondare le basei per determinare i futuri movimenti del moto proprio delle nebulose, ma il tentativo si rivelò fallimentare in quanto le nebulose distanti non mostrano alcuna traccia di moto proprio. Tuttavia, nei suoi studi riuscì a scoprire circa 500 nuovi oggetti celesti, tra cui, il 24 marzo 1894, l'asteroide 390 Alma.[1]

Nel 1902 partecipò al tentativo di determinare con maggiore precisione la longitudine tra Londra e Parigi, diventando membro del Bureau des Longitudes nel 1903 e dell'Accademia delle scienze francese nel 1904.

A lui si deve la formalizzazione del sistema di stazionamento per telescopi equatoriali noto come "metodo della deriva" o appunto "metodo di Bigourdan". Il metodo, anche se lento, permette di raggiungere una precisione al limite meccanico dello strumento, ed è il metodo usato per tutti i grandi telescopi equatoriali.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32296877 · ISNI (EN0000 0001 0856 4466 · LCCN (ENn87834215 · GND (DE116180323 · BNF (FRcb15290885g (data) · BAV ADV10083357 · WorldCat Identities (ENn87-834215