Gustav Schröder

Comandante marittimo tedesco, Giusto tra le nazioni

Gustav Schröder (Haderslev, 27 settembre 1885Amburgo, 10 gennaio 1959) è stato un comandante marittimo tedesco, nel 1939 tentò di salvare 937 ebrei tedeschi, passeggeri della sua nave, la MS St. Louis, dai nazisti.

Gustav Schröder

BiografiaModifica

CarrieraModifica

Schröder iniziò la sua carriera marittima nel 1902 all'età di 16 anni, a bordo della nave scuola Großherzogin Elisabeth (nel dopoguerra Duchesse Anne). Dopo aver completato la sua formazione, prestò servizio prima su navi a vela, e poi fu marinaio sulla SS Deutschland della Hamburg America Line, all'epoca una delle navi più veloci del mondo e detentrice del nastro azzurro. Schröder ha raggiunto la posizione di Capitano dopo 24 anni di servizio. Nel 1913 fu inviato a Calcutta, in India, dove fu internato perché considerato nemico durante la prima guerra mondiale. Quando Schröder tornò in Germania nel 1919, si trovò senza lavoro, a causa della smilitarizzazione forzata e del limite posto al numero di navi da guerra della Marina tedesca dal Trattato di Versailles. Nel 1921 fu assunto dalla compagnia di navigazione HAPAG, e nel 1935 fu promosso primo ufficiale sul transatlantico Albert Ballin. Nell'agosto 1936 divenne capitano della MS Ozeana.

Il viaggio dei dannatiModifica

 
Il capitano Schröder della St. Louis negozia i permessi di sbarco per i passeggeri con i funzionari belgi nel porto di Anversa.

Schröder fu poi nominato capitano della MS St. Louis e nel 1939 salpò dalla Germania verso Cuba trasportando 937 rifugiati ebrei in cerca di asilo. Ha insistito che i suoi passeggeri fossero trattati con rispetto e ha permesso loro di svolgere le funzioni religiose a bordo, pur sapendo che questo permesso sarebbe stato visto sfavorevolmente dall'allora partito nazista al potere. Ai profughi fu rifiutato l'ingresso a Cuba, né gli Stati Uniti né il Canada li lasciarono sbarcare, costringendo Schröder a tornare con loro in Europa. Alla fine i passeggeri sono stati sbarcati in Belgio ed in seguito accettati da Belgio, Francia, Paesi Bassi e Regno Unito.

Gli eventi del viaggio sono raccontati nel libro del 1974 Voyage of the Damned, scritto da Gordon Thomas e Max Morgan-Witts, che è stato la base di un film drammatico del 1976 con lo stesso nome, e il libro The German Girl di Armando Lucus Correa.

Anni successiviModifica

Ancora al comando della St. Louis, Schröder si preparò per un altro viaggio transatlantico, ma ai suoi passeggeri non fu permesso di salire a bordo. Durante il viaggio, sia Gran Bretagna che Francia avevano dichiarato guerra alla Germania nazista. Di ritorno dalle Bermuda, Schröder eluse un blocco della Royal Navy e attraccò nell'allora neutrale Murmansk. Con un equipaggio ridotto all'osso, riuscì a sfuggire alle pattuglie alleate e raggiunse Amburgo nel 1940. Gli fu assegnato un lavoro d'ufficio e non prese mai più il mare.

Dopo la guerra, ha lavorato come scrittore e ha cercato di vendere la sua storia. È stato rilasciato dai procedimenti di denazificazione sulla base delle testimonianze di alcuni dei suoi passeggeri rifugiati ebrei sopravvissuti.[1]

Schröder era sposato e viveva con la sua famiglia ad Amburgo. Morì nel 1959 all'età di 73 anni. [2]

OnorificenzeModifica

Schröder ricevette molti elogi per le sue azioni durante l'Olocausto, sia mentre era vivo che postumo. Nel 1957 è stato insignito dell'Ordine al Merito dalla Repubblica Federale Tedesca "per i servizi alle persone e alla terra nel salvataggio dei rifugiati". Nel marzo 1993, Yad Vashem ha onorato Schröder con il titolo di Giusto tra le nazioni dallo Stato di Israele.[3] Nel 2000, la città tedesca di Amburgo ha intitolato una strada a Schröder e ha scoperto una targa dettagliata sul pontile di attracco.

Nella cultura popolareModifica

  • Nel film drammatico del 1976 sulla St. Louis, La nave dei dannati, Schröder è interpretato dall'attore franco-svedese Max von Sydow.[4]
  • Nel libro del 2017 Refugee, Schröder è incluso nella storia di un ragazzo immaginario (Josef Landau) a bordo della St. Louis.

NoteModifica

  1. ^ Gordon Thomas, Voyage of the Damned, Premier Digital Publishing, 2012, ISBN 9781937624118.
  2. ^ Boroson Warren, The true 'voyage of the damned', su The Jewish Standard, 4 dicembre 2009. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  3. ^ Gustav Schroeder - The Righteous Among The Nations, su yadvashem.org, Yad Vashem. URL consultato il 23 giugno 2013.
  4. ^ Matt Brunson, From Here to Eternity, House of Wax, The Little Mermaid among new home entertainment titles, su Creative Loafing, 3 ottobre 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13361037 · ISNI (EN0000 0000 4548 5268 · LCCN (ENno2003020785 · GND (DE128406186 · J9U (ENHE987007283541005171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003020785