Helo Dunker

L'Helo Dunker è un dispositivo di addestramento utilizzato per gli equipaggi di elicotteri, al fine di valutare e migliorare le loro capacità di uscire da una carlinga finita sott'acqua dopo un incidente[1] ed è complementare ad un dispositivo affine chiamato Dilbert Dunker[2] presente a Catania presso la base elicotteri di Maristaeli di Fontanarossa; entrambi hanno molto in comune ma l’attività che viene svolta su di essi ha delle proprie peculiarità.

CorsiModifica

L’impianto, unico nel suo genere in ambito militare e di notevole importanza per il ruolo che svolge, viene utilizzato da circa 1000 frequentatori l’anno, impegnando quotidianamente strutture, personale istruttore e di supporto.[1]

L'Helo Dunker viene utilizzato per il mantenimento delle capacità operative dagli Operatori Recupero Naufraghi della Marina Militare e della Guardia Costiera e per l’addestramento specifico al recupero di un elicottero ammarato per tutti i subacquei delle Forze Armate e dei Corpi di Polizia.[1]

Il personale che gestisce la struttura, proviene dalla Componente Aeronavale ed è in possesso di brevetto subacqueo, di assistente bagnante e qualifica di istruttore. I corsi si articolano su quattro giornate per gli equipaggi che impiegano l’autorespiratore, tre per i corsi interamente in apnea ed una sola giornata per l’attività di mantenimento.[1]

L’attività svolta si suddivide in corsi per il conseguimento della prima abilitazione ed attività dedita al mantenimento periodico. Oltre l’addestramento in cabina e l’addestramento al nuoto con vestizione completa, il corso prevede: teoria per le immersioni in acque poco profonde, tecniche di abbandono da un velivolo ammarato, apprendimento delle tecniche relative alla sopravvivenza in mare, illustrazione e impiego dei dispositivi in dotazione per la segnalazione in mare.[1]

StrutturaModifica

La struttura è costituita da una piscina profonda 5 metri, lunga 25 e larga 12, dove al suo interno, tramite un argano dedicato, viene ammainato un simulacro che riproduce la carlinga di un elicottero, con alle estremità due postazioni specifiche per piloti e al suo interno otto postazioni per l’equipaggio. La simulazione consiste nella fuoriuscita dal simulacro in tre distinte condizioni di ammaraggio:[1]

  • Prepianificato, dove l’elicottero ammara sotto il controllo del pilota
  • Prepianificato, con capovolgimento dell’elicottero dopo l’affondamento
  • Immediato, con l’equipaggio che non ha il tempo di prepararsi all’evento.

StoriaModifica

La Marina Militare ha adottato questo tipo di addestramento sin dalla prima acquisizione degli elicotteri, prima con il Dilbert Dunker, più specifico per aeromobili, e dal 1991 con entrambi. L'Helo Dunker di Luni provvede a fornire corsi addestrativi per gli equipaggi di volo di tutte le Forze Armate, altri corpi dello stato, personale medico della Marina Militare e personale di Forze Armate estere quali ellenici, albanesi e maltesi.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Maristaeli Luni, su giorgiociarini.com. URL consultato il 31 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ Dilbert Dunker, su giorgiociarini.com. URL consultato l'11 dicembre 2011.

Voci correlateModifica

  Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aviazione