Herbert Wilcox

produttore cinematografico, regista e sceneggiatore irlandese

Herbert Wilcox, all'anagrafe Herbert Sydney Wilcox (Cork, 19 aprile 1890[1]Londra, 15 maggio 1977), è stato un produttore cinematografico, regista e sceneggiatore irlandese.

BiografiaModifica

Produttore di oltre un centinaio di pellicole, più della metà delle quali da lui stesso dirette, svolse la sua attività prevalentemente tra il Regno Unito e gli Stati Uniti, fin dagli anni del cinema muto.

Nel 1926, insieme al produttore statunitense J.D. Williams, fondò la British National Pictures. Parallelamente, iniziò la costruzione degli Elstree Studios, che presto sarebbero stati rilevati dalla British International Pictures: fu attivo fino alla bancarotta, negli anni sessanta.

Nel 1932 diresse il suo primo film con protagonista l'attrice Anna Neagle, che sposò nel 1943 e con cui rimase fino alla morte. La coppia collaborò a una trentina di pellicole, diventando un'istituzione del cinema britannico e spaziando nei più diversi generi. Durante gli anni trenta, da ricordare i film La favorita di Carlo II (1934) e Peg of Old Drury (1935), due vivaci commedie in costume, e La grande imperatrice (1937), sfarzosa e celebrativa biografia della Regina Vittoria.

Wilcox e la Neagle furono chiamati a Hollywood e firmarono un contratto con la casa produttrice RKO Pictures. Il loro primo film americano fu La storia di Edith Cavell (1939), remake di Dawn (1928), una pellicola muta in cui Wilcox aveva diretto Sybil Thorndike. Subito dopo tornarono al registro leggero, realizzando tre consecutive commedie musicali, tutte basate su popolari successi teatrali, Irene (1940), con Ray Milland, No, No, Nanette (1940), con Victor Mature, e Sunny (1941), con Ray Bolger.

Prima di ripartire per l'Inghilterra, Wilcox diresse alcune sequenze di Per sempre e un giorno ancora (1943), la drammatica saga di una famiglia londinese dal 1840 ai difficili giorni del Blitz nel 1940. La Neagle vi recitò nuovamente con Ray Milland e accanto ad altri celebri attori britannici come Claude Rains e Charles Laughton. Rientrati in patria, nel secondo dopoguerra, Wilcox e la Neagle lavorarono a numerose commedie leggere, come Incontro a Piccadilly (1946), Le vie del destino (1947), L'impareggiabile Richard (1948) e Il paradiso delle donne (1949).

Filmografia parzialeModifica

RegistaModifica

ProduttoreModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Herbert Wilcox, Twenty-Five Thousand Sunsets. The Autobiography of Herbert Wilcox - Londra, The Bodley Head, 1967

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN262480890 · ISNI (EN0000 0000 7816 2326 · LCCN (ENn2010023353 · GND (DE1061323374 · BNF (FRcb14704696d (data) · BNE (ESXX4853834 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2010023353