Apri il menu principale

Hugh O'Neill Hencken (New York City, 8 gennaio 1902Cape Cod, 31 agosto 1981) è stato un archeologo statunitense specializzato negli studi sull'età del Ferro e l'Europa.

BiografiaModifica

Nato a New York da Albert Charles e Mary Creighton O'Neill Hencken, spese la sua giovinezza in Pennsylvania. Si laureò alla Princeton University nel 1924 con un A.B., e nel 1926 prese un B.A alla Cambridge University, dove nel 1929 conseguì un M.A., e il PhD in archeologia nel 1930.[1][2]

Diventò professore associato di archeologia dell'Europa all'università di Harvard nel 1930, e diventò curatore assistente di archeologia dell'Europa al museo Peabody di archeologia ed etnologia l'anno successivo. [1]

Fu inoltre curatore nello stesso dipartimento dal 1933 al 1960, e insegnò alle università di Londra, Oxford, ed Edimburgo durante questo periodo. [1][2]

Hencken condusse ricerche e scavi archeologici sulle popolazioni dell'età del Ferro e la cultura materiale dello stesso periodo in Inghilterra, Irlanda, Italia, Grecia, Algeria, Marocco. Morì il 31 agosto 1981.[1][2]

Hencken sposò Mary Thalassa il 12 ottobre 1935. Ebbero tre figlie: Ala, Sophia, e Thalassa. Sua moglie, Thalassa, che si era laureata in archeologia alla università di Londra, morì l'11 giugno 1997. [1]

Opere (principali)Modifica

  • Horse tripods of Etruria, American school of prehistoric research, Boston 1957;
  • A view of Etruscan origins, Antiquity Publications, Cambridge, Mass, 1966;
  • A western razon in Sicily, Prehistoric Society, Cambridge, Mass, 1955;
  • Tarquinia and Etruscan origins, Thames and Hudson, Londra 1968;
  • Tarquinia, Villanovans, and Early Etruscans, Peabody Museum, Cambridge, Mass, 1968;
  • The Earliest European Helmets. Bronze Age and Early Iron Age, Harvard University, Bulletin 28, Cambridge, Mass., 1971;
  • Indo-european languages and archeology, Millwood : Kraus Repr., 1974.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Hugh O'Neill, 1902-1981, Papers: A Finding Aid, Harvard University Library
  2. ^ a b c HUGH HENCKEN, 79; NOTED ARCHEOLOGIST AND MUSEUM CHIEF, 4 settembre 1981, The New York Times

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12300203 · ISNI (EN0000 0001 0870 0122 · LCCN (ENn50027200 · GND (DE132134950 · WorldCat Identities (ENn50-027200
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie