Hurts

gruppo musicale inglese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Hurts (disambigua).
Hurts
Hurts Press Photograph, March 2014.png
Adam Anderson e Theo Hutchcraft
Paese d'origineRegno Unito Regno Unito
GenereMusica elettronica
New wave
Synth pop
Periodo di attività musicale2009 – in attività
EtichettaRCA (2009-2017)
Lento (2020-presente)
Album pubblicati5
Studio5
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Gli Hurts sono un gruppo musicale synth pop britannico formato a Manchester dal cantante Theo Hutchcraft e del polistrumentista Adam Anderson.

Hanno riscosso successo su scala europea, in particolar modo nel Regno Unito durante il 2010 grazie ai singoli Wonderful Life e Better Than Love, che hanno anticipato la pubblicazione del disco di debutto Happiness, che ha venduto oltre due milioni di copie. Oltre a produrre i loro album gli Hurts hanno prodotto remix per altri artisti, fra cui Lady Gaga e Mylène Farmer.[1][2]

BiografiaModifica

Primi anni, Happiness (2010-2012)Modifica

Hanno avuto un primo successo con un remix del loro brano Wonderful Life eseguito da Arthur Baker, entrato in classifica in Danimarca e Austria, raggiungendo rispettivamente l'ottava e la ventunesima posizione delle classifiche dei singoli locali.[3] Nei primi mesi del 2010 è stato pubblicato il loro singolo di debutto, Better Than Love, di discreto successo in Regno Unito,[4] e hanno suonato per la prima volta dal vivo.

I singoli hanno anticipato la pubblicazione del loro album d'esordio, Happiness, pubblicato per l'etichetta discografica RCA il 27 agosto 2010 in Germania, Svizzera e Austria,[5] il 6 settembre 2010 nel Regno Unito[6] e l'8 settembre in Scandinavia.[7] Tra i brani presenti vi appare anche Devotion, inciso in collaborazione con la cantante australiana Kylie Minogue.

Nel novembre successivo è stato pubblicato come singolo il brano Stay, che ha però ottenuto un successo inferiore rispetto ai precedenti.[8] In concomitanza del Natale del 2010 hanno pubblicato il brano All I Want for Christmas Is New Year's Day.[9] Ulteriori singoli volti a promuovere l'album sono stati Sunday e Illuminated, pubblicati rispettivamente il 27 febbraio e il 9 maggio 2013.[10]

Il 31 ottobre 2011 il gruppo ha pubblicato un'edizione deluxe dell'album, contenente le varie b-side dei singoli resi disponibili fino a quel momento, alcune rarità e un DVD contenente il loro concerto a Berlino e tutti i video musicali.[11]

Exile (2013-2015)Modifica

 
Il gruppo dal vivo in Finlandia nel 2014 durante l'Exile Tour

Il 14 dicembre 2012 il duo ha annunciato che il secondo album, intitolato Exile, sarebbe stato pubblicato l'11 marzo dell'anno successivo; contemporaneamente all'annuncio è stata presentata un'anteprima del brano The Road, reso disponibile per il download gratuito per coloro che hanno eseguito il preordine del disco.[12] Come primo singolo atto anticipare Exile, l'11 gennaio 2013 è stato estratto Miracle,[13] accompagnato il 4 febbraio da un videoclip diretto da Chris Turner,[14] versione tuttavia sostituita il 28 dello stesso mese da un secondo video, diretto da Frank Borin.[15]

Il 14 marzo 2013 è partito da Colonia l'Exile Tour, che ha visto gli Hurts esibirsi per tutta Europa, concludendo il 2 aprile seguente a Glasgow.[16] Il 4 aprile è stato pubblicato il videoclip di Blind,[17] estratto come secondo singolo dall'album il 20 maggio.[18] Il 21 luglio è stato pubblicato il terzo singolo Somebody to Die For, mentre tra ottobre e novembre il gruppo ha intrapreso la seconda parte del tour, esibendosi sempre in Europa.[19]

Surrender e Desire (2015-2017)Modifica

Il 28 maggio 2015 è stato pubblicato il singolo Some Kind of Heaven,[20] che anticipa la pubblicazione del loro terzo album di inediti, intitolato Surrender e previsto per il 9 ottobre dello stesso anno.[21] Poco prima dell'uscita dell'album, gli Hurts hanno pubblicato altri due singoli, Rolling Stone e Lights, quest'ultimo accompagnato da un videoclip diretto da Dawn Shadforth.[22]

Nell'aprile 2017 viene pubblicato il singolo Beautiful Ones, volto ad anticipare il quarto album in studio del duo.[23] Intitolato Desire, il disco è uscito il 29 settembre dello stesso anno e si caratterizza per le sonorità marcatamente pop;[24] esso si compone di tredici brani, tra cui Ready to Go (estratto come secondo singolo il 1º settembre)[25] e Chaperone, per il quale è stato realizzato un videoclip.[26]

Faith (2020-presente)Modifica

Agli inizi di maggio 2020 gli Hurts hanno invitato i propri fan a seguirli nel proprio canale Telegram al fine di inviare loro materiale inerente all'album, rivelando l'11 dello stesso mese il primo singolo Voices, quest'ultimo pubblicato quattro giorni più tardi.[27] Il brano è stato accompagnato nello stesso giorno da un lyric video,[28] mentre il 28 maggio è stato reso disponibile un'esibizione dello stesso su IGTV.[29]

Il 24 giugno è stato annunciato l'album, intitolato Faith, e pubblicato il secondo singolo Suffer.[30] Il 16 luglio seguente è stata la volta di Redemption e del relativo video,[31] mentre il 30 di tale mese è invece uscito Somebody, anch'esso accompagnato da un videoclip.[32]

Faith è stato pubblicato il 4 settembre ed è stato promosso tre giorni più tardi dal video della quinta traccia All I Have to Give.[33]

FormazioneModifica

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia degli Hurts.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Lady Gaga - Judas Hurts Remix[collegamento interrotto], Hurts-Official Italian Blog. URL consultato il marzo 2018.
  2. ^ https://soundcloud.com/polydorfrance/myl-ne-farmer-lonely-lisa
  3. ^ Wonderful Like, su acharts.us. URL consultato il 17 agosto 2010.
  4. ^ Better Than Love, su acharts.us. URL consultato il 17 agosto 2010.
  5. ^ Hurts - Happiness, Sony Music Germany. URL consultato il 4 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2012).
  6. ^ (EN) Happiness Is Coming, Hurts. URL consultato il 17 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2010).
  7. ^ (EN) Hurts - Happiness, su cdon.eu. URL consultato il 4 settembre 2010.
  8. ^ (EN) Stay, su acharts.us. URL consultato il 27 dicembre 2010.
  9. ^ (EN) All I Want for Christmas Is New Year's Day, Hurts. URL consultato il 27 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2010).
  10. ^ (EN) Music, Hurts. URL consultato il 13 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2011).
  11. ^ (EN) Happiness Deluxe, Hurts, 3 ottobre 2011. URL consultato il 13 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2011).
  12. ^ (EN) Ashley Clements, Video: Hurts to release new album Exile in March 2013, su Gigwise, 14 dicembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2020.
  13. ^ Miracle - Single, iTunes. URL consultato il 5 luglio 2013.
  14. ^ (EN) Hurts 'Miracle' by Favourite Colour: Black, su Promonews. URL consultato il 5 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2013).
  15. ^ (EN) Hurts: Miracle (2013), su Internet Movie Database, IMDb.com. URL consultato il 5 luglio 2013.
  16. ^ (EN) San Hine, Hurts' new album is called 'Exile' and they're going on tour to support it, su Popjustice, 14 dicembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2020.
  17. ^ (EN) Jamie Crossan, Hurts' Theo Hutchcraft reveals he nearly lost an eye while filming 'Blind' video, New Musical Express, 1º aprile 2013. URL consultato il 19 settembre 2020.
  18. ^ (EN) Hurts, 'Blind', the second single to be taken from EXILE, is released May 20th 2013, su Facebook, 29 aprile 2013. URL consultato il 19 settembre 2020.
  19. ^ (EN) Steve Muscutt, Hurts RELEASE NEW SINGLE 'SOMEBODY TO DIE FOR' ON 21ST JULY, su musomuso.co.uk, 28 giugno 2013. URL consultato il 19 settembre 2020.
  20. ^ (EN) HURTS "Some Kind of Heaven" (Single Premiere), su josepvinaixa.com. URL consultato il 26 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2015).
  21. ^ (EN) Lewis Corner, Hurts' new album is called Surrender and it will be out in October, Digital Spy, 15 giugno 2015. URL consultato il 16 giugno 2015.
  22. ^ Hurts , Lights : il nuovo singolo estratto da Surrender, su allmusicnews.altervista.org. URL consultato il 28 agosto 2015.
  23. ^ «Beautiful Ones», gli Hurts tornano con un nuovo singolo, TV Sorrisi e Canzoni. URL consultato il 22 aprile 2017.
  24. ^ (EN) Hurts have announced new album 'Desire', DIY, 26 maggio 2017. URL consultato l'11 settembre 2020.
  25. ^ (EN) Hurts releases new single "Ready To Go" co-written by Reservoir/Reverb music writer David Sneddon, su Reservoir Media, 1º settembre 2017. URL consultato il 13 settembre 2020.
  26. ^ (EN) Andrew Trendell, Hurts unveil stylish new video for 'Chaperone', New Musical Express, 12 ottobre 2017. URL consultato il 13 settembre 2020.
  27. ^ (EN) Cerys Kenneally, Hurts announce first single in three years "Voices", su The Line of Best Fit, 11 maggio 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.
  28. ^ (EN) Andrew Trendell, Hurts tell us about dark new single 'Voices': "We've gone back to the essence of who we are", New Musical Express, 15 maggio 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.
  29. ^ (EN) Will Richards, Watch Hurts' arty first performance of comeback single 'Voices', New Musical Express, 31 maggio 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.
  30. ^ (EN) Will Richards, Hurts announce new album 'Faith' and share huge single 'Suffer', New Musical Express, 24 giugno 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.
  31. ^ (EN) Will Richards, Hurts share new track 'Redemption' and its brooding video, New Musical Express, 16 luglio 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.
  32. ^ (EN) Cerys Keneally, Hurts preview new album with fourth single "Somebody", su The Line of Best Fit, 30 luglio 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.
  33. ^ (RU) Hurts выпустили клип «All I Have To Give». С неожиданной локацией для съемок, su Союз, 7 settembre 2020. URL consultato il 20 settembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN122733906 · ISNI (EN0000 0001 0805 2997 · LCCN (ENno2007080919 · GND (DE16078037-8 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007080919
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica