Ḥusayn Kāmil

sultano d'Egitto (1912-7)
(Reindirizzamento da Husayn Kamil)
Ḥusayn Kāmil
HusseinKamelSultan.jpg
Sultano d'Egitto
Stemma
In carica 19 dicembre 1914 - 9 ottobre 1917
Predecessore ʿAbbās Ḥilmī II (Come Chedivé d'Egitto)
Successore Fu'ad I d'Egitto
Nascita Il Cairo, 21 novembre 1853
Morte 9 ottobre 1917
Padre Isma'il Pascià
Consorte Ayn-al-Hayat Rifaat
Melek Tourhan
Figli Principe Hussein Kamal al-Din Pascià
Principe Saif ud-din Bey
Principe Ahmad Nazim Bey
Principe Yusuf Kamil Bey
Principessa Kazima Hanim
princepesse Kadria
principessa Samiha
principessa Badiha
Religione Islam

Sulṭān Ḥusayn Kāmil, in arabo: السلطان حسين كامل‎, al-Sulṭān Ḥusayn Kāmil, o, più estesamente, Ḥusayn Kāmil b. Ismāʿīl b. Ibrāhīm b. Muḥammad ʿAlī Pascià (Il Cairo, 21 novembre 18539 ottobre 1917), fu Sultano d'Egitto e del Sudan dal 19 dicembre 1914 al 9 ottobre 1917, durante l'occupazione britannica che si sviluppò dal 1882 al 1922.

BiografiaModifica

Ḥusayn Kāmil fu il secondo figlio del Chedivè Ismāʿīl Pascià, che aveva governato l'Egitto e il Sudan dal 1863 al 1879.

Ḥusayn Kāmil - che era stato Presidente dell'Assemblea Legislativa nel 1909 - diventò Sultano d'Egitto e Sudan nel 1914, dopo la deposizione del nipote, il Chedivè ʿAbbās Ḥilmi da parte della Gran Bretagna. Il Chedivè al momento dell'accaduto si trovava a Istanbul e la Gran Bretagna ne approfittò per dichiarare che egli aveva «fatto causa comune col nemico di Sua Maestà».[1]

Il rappresentante britannico assunse così le funzioni di Alto Commissario.
L'Egitto fu dichiarato in quell'occasione Protettorato britannico, in concomitanza non casuale con l'inizio della Prima guerra mondiale.

Ciò mise fine al controllo nominale dell'Egitto e del Sudan da parte dell'Impero ottomano, che risaliva al primo Chedivè Muḥammad ʿAli, ovvero Mehmet Ali.

Il regno di Ḥusayn Kāmil fu del tutto incolore, piegato come il Sultano alla volontà di Londra. Quando egli improvvisamente morì nel 1917 per essere inumato nella moschea di al-Rifāʿī al Cairo, si aprì un piccolo problema successorio, dal momento che il figlio, Kamāl al-Dīn, era un uomo di cui non si conoscevano gli orientamenti politici ma della cui pochezza intellettuale si aveva certezza, tanto da farlo giudicare unanimemente inadatto al ruolo che comunque avrebbe dovuto svolgere.

Gli fu allora preferito lo zio, fratello del defunto sovrano: Aḥmad Fuʾād. Egli divenne così il nuovo Sultano col nome di Fuʾād I.

Onorificenze[2]Modifica

Onorificenze egizianeModifica

  Gran Maestro dell'Ordine di Mohammed Ali
— 14 aprile 1915
  Gran Maestro dell'Ordine del Nilo
— 14 aprile 1915
  Gran Maestro dell'Ordine delle Virtù
— 14 aprile 1915
  Gran Maestro dell'Ordine di Ismail
— 14 aprile 1915

Onorificenze straniereModifica

  Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo II (Belgio)
— 1917
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 1916
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe (Impero austro-ungarico)
— 1869
  Cavaliere di I classe dell'Ordine di Mejidiyye (Impero Ottomano)
  Cavaliere di I classe dell'Ordine di Osmanie (Impero Ottomano)
  Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona di Romania (Regno di Romania)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
  Comandante di Gran Croce dell'Ordine della Spada (Svezia)
— 1891

NoteModifica

  1. ^ Bruno Aglietti, L'Egitto dagli avvenimenti del 1882 ai giorni nostri, 2 voll., Roma, Istituto per l'Oriente Carlo Alfonso Nallino, 1965, I, p. 277.
  2. ^ Royal Ark

BibliografiaModifica

  • (IT) Bruno Aglietti, L'Egitto dagli avvenimenti del 1882 ai giorni nostri, 2 voll., Roma, Istituto per l'Oriente Carlo Alfonso Nallino, 1965
  • (EN) P. G. Elgood, The transit of Egypt, Londra, Edward Arnold, 1928
  • (AR) Muḥammad Saʿīd al-Kaylānī, al-Sulṭān Ḥusayn Kāmil, Il Cairo, 1963
  • (EN) Lord Lloyd, Egypt since Cromer, Londra, Macmillan & Co., 1932

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17095078 · ISNI (EN0000 0000 7694 0112 · LCCN (ENnr93018468 · GND (DE117546712 · WorldCat Identities (ENlccn-nr93018468