IP (marchio)

Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Italiana Petroli" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo gruppo, vedi Italiana Petroli (azienda 2019).
Italiana Petroli
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaDivisione (organizzazione aziendale)
Fondazione1974 a Genova
Fondata daENI (dall'acquisizione delle attività della Shell Italiana)
Sede principaleRoma
GruppoGruppo API
Settoreenergia
Prodotticarburanti, lubrificanti
Sito webgruppoapi.com

IP è un marchio commerciale del Gruppo API utilizzato per la distribuzione di carburanti.

Con oltre 5 000 punti vendita, è il primo marchio per numero di distributori sul territorio italiano.[1]

StoriaModifica

Il marchio IP, all'epoca Industria Italiana Petroli, nasce ufficialmente a Genova nel maggio 1974[2] come epilogo del processo che, sul finire del 1973, aveva portato all'acquisizione delle attività della Shell Italiana, filiale della Royal Dutch Shell, da parte dell'Eni:[3] la nuova società eredita tutta la rete di distribuzione della compagnia anglo-olandese.[4] I primi anni della neonata IP risultano complicati per via della difficile integrazione nel gruppo Eni, situazione ulteriormente gravata dalla incerta situazione internazionale del petrolio.[4]

Negli anni 1980 l'azienda recupera slancio[4][5] e dalla seconda metà del decennio consolida la sua notorietà anche grazie alla sponsorizzazione della nazionale calcistica italiana, legame iniziato nel 1987[6] e proseguito ininterrottamente per il successivo decennio, e che vivrà un'ulteriore appendice a cavallo degli anni 2000 e 2010.[7] Frattanto nel marzo 1987 la società assunse la denominazione di Italiana Petroli.[4] Alla fine degli anni 1990 la società si posiziona come la seconda realtà italiana nella distribuzione e commercializzazione di prodotti petroliferi.

A partire dal 1995 fu avviato un programma di rinnovamento e restyling della rete di impianti, per meglio competere con i concorrenti internazionali.[8]

 
Una stazione di servizio IP a Santa Maria degli Angeli, Assisi (2019)

Nel 1999 la IP viene fusa per incorporazione in Agip Petroli, poi a sua volta assorbita da Eni. A seguito di questi processi avviene uno scambio di distributori tra i due marchi di proprietà Eni, con il passaggio sotto le insegne Agip dei punti vendita IP più redditizi, per vendite e caratteristiche strutturali, e contemporaneo declassamento al logo IP per i punti vendita Agip meno redditizi, ovvero basse vendite e caratteristiche strutturali minimali; in seguito Eni vende i punti vendita ex Agip, ora rinominati IP, in pacchetti a operatori indipendenti (retisti) con il vincolo di convenzionarli con il marchio IP.

A maggio 2002, con lo strumento della cessione del ramo d'azienda, Eni ricostituisce di fatto una nuova Italiana Petroli che può contare su circa 3.000 punti vendita, di cui circa 200 di proprietà, mentre i restanti sono convenzionati. In termini di quota mercato la nuova IP si colloca quasi al 7%.

Alla fine del 2004 Eni mette in vendita tramite bando la IP, che nei primi mesi del 2005 viene acquistata dall'Anonima Petroli Italiana (API) per 189 milioni di euro; il passaggio viene formalizzato il successivo 6 settembre. Nel 2007 IP viene fusa per incorporazione nell'API: ne consegue un rebranding societario che porta tutti i distributori ex API ad adottare il marchio IP.[9]

Nel 2017, con l'acquisizione di TotalErg da parte di API, la rete ex TotalErg viene assorbita da IP che diventa così, con circa 5 000 distributori, il marchio petrolifero più diffuso sulle strade italiane[1] con il 24% del mercato nazionale.[5]

LoghiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Giuseppe Cordasco, Api compra TotalErg: cosa cambia nel mercato della benzina, su panorama.it, 6 novembre 2017.
  2. ^ Muta denominazione la "Shell Italiana", in La Stampa, 8 maggio 1974, p. 14.
  3. ^ L'Eni acquista la Shell italiana, in La Stampa, 29 dicembre 1973, p. 1.
  4. ^ a b c d Italiana Petroli. 80 anni di attività 1912-1992, IP, 1992, SBN IT\ICCU\MIL\0305416.
  5. ^ a b Giorgio Carlevaro, Cosa è rimasto dopo il "viavai" dei marchi sulla rete carburanti, in Muoversi, n. 2, 2021.
  6. ^ La IP sponsor azzurro, in la Repubblica, 23 maggio 1987.
  7. ^ Nuovo cliente per Publicis: accompagnerà IP ai Mondiali di Calcio, su engage.it, 14 marzo 2014.
  8. ^ Marcello Minale, How to design a successful petrol station, Hoepli, 2000, pp. 74.
  9. ^ Nuova immagine per i distributori API IP, su draft.it, 26 novembre 2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica