Apri il menu principale

Abū Bakr Muḥammad ibn ʿAbd al-Malik ibn Quzmān (in arabo: أبو بكر محمد بن عبد الملك بن قزمان‎; Cordova, 1078Cordova, 2 ottobre 1160) è stato un poeta arabo di al-Andalus.

Indice

BiografiaModifica

Giudicato come il migliore più originale poeta arabo della storia letteraria di al-Andalus.[1] Operò nel periodo in cui la Spagna musulmana e Cordova furono sotto il dominio degli Almoravidi, ma sembra che egli abbia trascorso gran parte della sua esistenza a Siviglia. Deve la sua grande fama alle sue composizioni in zajal.[2][3] Caratteristica del zajal era l'uso dell'arabo colloquiale, come pure un tipico schema rimato - aaab cccb dddb - in cui le rime b avevano un costante refrain di una o due linee.[4] Il zajal è estremamente simile alla poesia Malḥūn che si ritrova in Nordafrica, tanto sotto il profilo stilistico quanto sotto quello del lessico impiegato.

Ibn Quzmān proveniva da una famiglia nobile [5], e il suo stile di vita era simile a quello dei trovatori.[6] Il suo approccio alla vita era espresso nei suoi melodiosi poemi, nel cui idioma affiorano occasionalmente parole delle lingue romanze, con somiglianze che suggeriscono l'ultima poesia vernacolare trovadorica di Francia.[7]

Una raccolta di poesie di Ibn Quzmān (in Lingua araba "Dīwān", in lingua spagnola "Cancionero") è stata scoperta a San Pietroburgo nel 1881.[8]

Nel "Diwan" Ibn Quzmān reinterpretò ironicamente argomenti di poesia araba classica, colti e popolari, descritti con una molteplicità di personaggi presi dalla vita quotidiana e immersi in una vibrante atmosfera di voci, odori, parole.[9][6]

NoteModifica

  1. ^ Josef W. Meri, Medieval Islamic Civilization: An Encyclopedia, Routledge, 2005, p. 364
  2. ^ Josef W. Meri, Medieval Islamic Civilization: An Encyclopedia, Routledge, 2005, p. 365
  3. ^ Islamic arts (nel sito dell'Encyclopædia Britannica), su britannica.com. URL consultato il 10 marzo 2017.
  4. ^ T.J. Gorton, "The Metre of Ibn Quzman: a "Classical "Approach", in: Journal of Arabic Literature, 6 (1975), pp. 1-29
  5. ^ Muhammad ibn Quzman (nel sito Biografías y Vidas ), su biografiasyvidas.com. URL consultato il 10 marzo 2017.
  6. ^ a b Le Muse, vol. 6, Novara, De Agostini, 1965, p. 48.
  7. ^ Robert Kehew, Ezra Pound, William De Witt Snodgrass, Lark in the morning: the verses of the troubadours, University of Chicago Press, 2005, p. 10
  8. ^ AA.VV., Hispano - Arabic Poetry, ed. Slatkine, 1974, p. XII
  9. ^ IBN QUZMAN, ABU BAKR IBN ’ABD AL-MALIK (nel sito WorldHistory.Biz ), su worldhistory.biz. URL consultato il 3 gennaio 2017.

BibliografiaModifica

  • Menocal, María Rosa (EDT) /Scheindlin, Raymond P., "The Literature of Al-Andalus" (The Cambridge History of Arabic Literature) cap. 14, ISBN 0-521-47159-1 (EDT) /Sells, Michael /Editore: Cambridge Univ Press, 2000
  • Dr. Bonnie D. Irwin Dean, "Cooking With Ibn Quzman: Kitchen Imagery in Azjal nos. 90, 68, and 118." Philological Association of the Pacific Coast Conference. Portland, 13 November 1988.
  • Artifara, n. 1, (luglio - dicembre 2002), sezione Addenda [1].

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • AA.VV., Hispano-arabic poetry, ed. Slatkine, 1974, Cap. IV The Almoravid Period, Ibn Quzman, p. 266-308 [2] (retrieved 26-09-2011)
  • M. Th Houtsma, First encyclopaedia of Islam: 1913-1936 [3] (retrieved 36-09-2011)
  • "Cancionero de Abenguzmán", in: Enciclopedia GER (in spagnolo) [4]
Controllo di autoritàVIAF (EN12337707 · ISNI (EN0000 0000 7970 5767 · LCCN (ENn82108951 · BNF (FRcb12105176b (data) · WorldCat Identities (ENn82-108951