Apri il menu principale

Il figlio del Corsaro Rosso (romanzo)

romanzo scritto da Emilio Salgari
Il figlio del Corsaro Rosso
Salgari rosso.jpg
Copertina de Il figlio del Corsaro Rosso, ed. Bemporath & Figlio 1919
AutoreEmilio Salgari
1ª ed. originale1908
Genereromanzo
Sottogenereavventura
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneMar dei Caraibi, Tortuga, Maracaibo, metà XVII secolo
Protagonistiil Conte di Ventimiglia (il figlio del Corsaro Rosso)
Antagonistiil Marchese di Montellimar
Altri personaggila Marchesa di Montellimar, Don Barrejo, Mendoza e Buttafuoco
SerieI corsari delle Antille
Preceduto daJolanda, la figlia del Corsaro Nero
Seguito daGli ultimi filibustieri

Il figlio del Corsaro Rosso è un romanzo di Emilio Salgari pubblicato in prima edizione nel 1908.

È il quarto libro del ciclo de I corsari delle Antille e segue il romanzo Jolanda, la figlia del Corsaro Nero.

TramaModifica

Enrico di Ventimiglia, figlio del Corsaro Rosso e nipote del Corsaro Nero, ha scoperto che suo padre, vedovo di sua madre prima di partire per le Americhe, ha poi sposato una delle figlie di un sovrano sudamericano, il Gran Cachico del Darien. Dalla loro unione è nata una bambina, che era col padre quando questi venne impiccato dal governatore di Maracaibo, tale marchese di Montelimar, su richiesta del duca Wan Guld.

Dopo aver confermato la notizia tramite Henry Morgan, marito di sua cugina Jolanda e governatore della Jamaica, Enrico salpa per il nuovo mondo per chieder conto della sorte della sorellastra; la prima meta è la villa di Carmen di Montelimar, cognata dell'ex governatore e giovane vedova al culmine della sua bellezza; da lei il giovane corsaro non ottiene molte informazioni, ma si infatua della donna, ricambiato; la giovane marchesa lo salverà più volte dalle truppe che lo cercano, dopo che la sua vera identità è stata scoperta.

Nelle sue avventure il conte è accompagnato dal basco Mendoza (che ha navigato con suo zio, il Corsaro Nero), dal guascone Don Barrejo (soldato spagnolo passato al suo servizio per desiderio di avventure e di dobloni), dal bucaniere Buttafuoco che lo guida attraverso le giungle di Pueblo Viejo, da un avventuriero fiammingo soprannominato Don Ercole da Mendoza, dal luogotenente Verra, vicecomandante della Folgore.

Catturato il segretario del marchese, il cavalier Barquisimeto, Enrico scopre che Montelimar ha allevato la sorella come fosse figlia sua, con lo scopo segreto di ottenere l'eredità del Gran Cachico; caduto in mano al marchese ed incontrata Neala (questo il nome della fanciulla) a Guayaquil, viene liberato dai tre compari Mendoza, Don Barrejo e Don Ercole, con l'assistenza dei capitani della filibusteria Grogner, Davis e Tusley, forti di circa 400 uomini. Terminato il sacco di Guayaquil, il giovane conte prende la sorella e riparte per il Piemonte. La marchesa di Montelimar lo segue, lasciando Don Ercole, Mendoza e Buttafuoco ad amministrare la sua proprietà, e Don Barrejo si sistema con una affascinante locandiera vedova.

EdizioniModifica

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura