Apri il menu principale

Incidente ferroviario di Mornago

Incidente ferroviario di Mornago
Tipotamponamento fra treni
Data6 maggio 1948
LuogoGalleria di Mornago
StatoItalia Italia
ResponsabiliCapostazione di Mornago-Cimbro
Conseguenze
Morti6
Feriti20

L'incidente ferroviario di Mornago fu un tamponamento tra treni avvenuto il 6 maggio del 1948 all'interno di una galleria tra la stazione di Mornago-Cimbro e quella di Ternate[1].

DinamicaModifica

Nel primo pomeriggio del 6 maggio 1948 il treno merci 5706 partì dalla stazione di Mornago. All'interno della galleria, lunga circa 400 m era avvenuto il distacco accidentale degli ultimi 4 carri merci; il personale del treno una volta fermo si adoperò per riagganciarli allo scopo di poter ripartire. Alle ore 15:25, mentre il treno merci era ancora fermo all'interno della galleria su di esso piombò a piena velocità il treno viaggiatori 1564. In seguito all'urto violentissimo la locomotiva a vapore del treno 1564 si incastrò nell'ultimo dei carri merci, che si sfasciarono, mentre la prima vettura viaggiatori si accartocciava contro il tender della locomotiva[1].

Dopo l'impatto i viaggiatori rimasti incolumi o solo contusi iniziarono i primi soccorsi mentre affluiva gente dalle campagne circostanti ad aiutarli. Giungevano poi sul posto il questore di Varese e il colonnello del carabinieri Savorà-Corona con un nutrito gruppo di militari e di agenti per l'opera di soccorso. I morti e i feriti estratti dai rottami vennero adagiati sulle carrozze non danneggiate e poi trasportati agli ospedale di Gallarate e di Vergate[1].

Le responsabilitàModifica

II disastro avvenne a causa della leggerezza del capostazione supplente di Mornago Cimbro, Luigi Passera, che diede via libera al treno viaggiatori 1364 diretto a Luino, senza essersi prima accertato dell'effettivo arrivo a Ternate del treno merci 5706. Il capostazione Passera ammise subito la sua colpevolezza e venne posto in stato di fermo[1].

Le vittimeModifica

I morti furono sei: Agostino Reggiori di anni 63 da Leggiuno San Giano, Maria Chiesa di anni 49, Piera Castiglioni, Augusto Albertari di anni 41 e Gianni Bissone tutti da Milano; il sesto deceduto non bene identificato fu Ernesto Barella[1].

I feriti furono più di venti ed erano delle località di Milano, Varese, Gallarate e Porto Valtravaglia[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Redazione, Scontro di treni in una galleria, in La Stampa, nº 100, 7 maggio 1948, p. 3.

Voci correlateModifica