Industria del tabacco

Tabacco
DunhillEarlyMorningPipeMurrays.jpg

Tabacco
Chimica
Modifica

L'industria del tabacco chiamata anche Big Tobacco, designa le imprese multinazionali impegnate nella produzione, nel marketing e nella distribuzione dei prodotti a base di tabacco. Si tratta di un'industria mondiale.

StoriaModifica

 
Scotch snuff della Sweetser Brothers, Boston, 1840

Il tabacco è una pianta originaria delle Americhe e storicamente una coltura molto importante per gli agricoltori americani. Dal 1617 al 1793, il tabacco è stato l'esportazione di base più preziosa proveniente dalle colonie inglesi. Fino agli anni 1960, gli Stati Uniti d'America sono stati il più grande paese produttore ed esportatore di tabacco del mondo.

L'industria del tabacco nel XX secoloModifica

A partire dalla metà del XX secolo, l'industria del tabacco fu pioniera di numerose campagne pubblicitarie a budget elevato che, facendo leva sulle pubbliche relazioni, hanno nascosto e sottostimato i pericoli per la salute[1]. Ciononostante, nel 1964, le prove epidemiologiche concludenti degli effetti mortali del tabagismo seguite da normative restrittive hanno progressivamente modificato l'immagine del tabacco nell'opinione pubblica[2].

Nondimeno i produttori di tabacco hanno continuato a ricevere aiuti pubblici, in particolare attraverso la Politica agricola comune (PAC) nell'Unione europea. A seguito della riforma della PAC del 2006, gli aiuti alla produzione di tabacco in Europa non sono più legati alla quantità prodotta, ma hanno ceduto il posto in Italia ad aiuti alla qualità del tabacco

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • (EN) The Tobacco Atlas, World Health Organization, 2002
  • (EN) Marketing to the marginalised: tobacco industry targeting of the homeless and mentally ill, 2005

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4184297-2
  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia