Invasione normanna del Galles

L'invasione normanna del Galles iniziò poco dopo la conquista normanna dell'Inghilterra sotto Guglielmo il Conquistatore. Non era intenzione di Guglielmo invadere anche il Galles, ma gli attacchi gallesi guidati da Gruffydd ap Llywelyn, l'unificatore del Galles, contro i normanni stabiliti in Inghilterra prima dell'invasione del 1066, costrinsero Guglielmo a prendere questa decisione. Inizialmente (1067-1081), l'invasione del Galles non fu intrapresa con lo stesso fervore e lo stesso scopo dell'invasione dell'Inghilterra. Tuttavia, dopo il 1081 l'intensità era molto più elevata e nel 1094 la maggior parte del Galles era sotto il controllo di Guglielmo II. I gallesi detestarono i Normanni e nel 1101 avevano ripreso il controllo di gran parte del loro paese durante il lungo regno di Gruffydd ap Cynan, che era stato imprigionato per dodici anni nelle carceri normanne prima di poter fuggire. Gruffydd ebbe l'aiuto indiretto del re Magnus III di Norvegia (Barefoot Magnus) che lanciò attacchi contro Anglesey nel Galles nord-occidentale vicino a Ynys Seiriol, uccidendo Ugo di Montgomery, conte di Shrewsbury e lasciando i Normanni sfiniti e demoralizzati. Magnus continuò la sua avanzata conquistando le Orcadi, le Ebridi e l'Isola di Man, situate nel nord del Galles, a ovest e a nord di Scozia e Inghilterra nel 1098.

Mappa dei regni gallesi verso la fine dell'XI secolo

Sotto il dominio del quarto figlio di Guglielmo, il re Enrico I d'Inghilterra, i normanni, ormai ben radicati in Inghilterra, risposero spingendosi verso ovest nel Galles. Questa volta, sia i gallesi che i normanni erano più interessati a fare la pace che a combattere, e alla fine fu raggiunta una situazione di relativa stabilità, sebbene i normanni la rendessero più complicata nel sud-est che nell'ovest del paese. Lo scontro è continuato dal 1135 al 1154 sotto Stefano, nipote di Enrico e di Guglielmo per linea materna, che intraprese una lotta di potere contro l'imperatrice Matilde, figlia di Enrico e unica sopravvissuta dei figli legittimi.

Attacchi gallesi all'InghilterraModifica

A metà dell'XI secolo, il Galles era stato unito dal Principe di Gwynedd Gruffydd ap Llywelyn. Gruffudd entrò in Inghilterra, dando alle fiamme Hereford e dimostrando l'incapacità inglese di rispondere alle incursioni gallesi. Dopo aver unificato il Galles e sconfitto Mercia e altre contee inglesi, Gruffydd fu tradito dai suoi stessi uomini, è stato assassinato nel 1063, mandando la sua testa a Edoardo il Confessore in cambio della nuova spartizione del Galles nel loro regni tradizionali. Durante questo periodo, Harold Godwinson ha condotto una campagna di attacchi che indebolirono il Galles.[1] Ciò ha creato un vuoto di potere in cui principi e re litigavano sul territorio, senza la presenza unificante di Gruffudd nel proteggerli dagli attacchi normanni.

Prime battaglieModifica

Ci volle del tempo perché i normanni raccogliessero abbastanza forza per affrontare i gallesi, poiché erano più preoccupati delle conseguenze di Hastings in Inghilterra e Normandia. In aggiunta, la conquista del Galles non era l'obiettivo principale di Guglielmo; che era arrivato a prendere possesso dell'Inghilterra, che considerava la sua eredità per diritto di nascita, il che implicava l'assunzione delle responsabilità di Edoardo come re, includendo i suoi rapporti con Galles e Scozia. Tuttavia, il Galles aveva iniziato a forzare la questione sostenendo i sassoni inglesi contro i normanni.

La risposta di GuglielmoModifica

 
Inghilterra e Normandia nell'XI secolo; verde i segni del confine gallese

In risposta ai progressi gallesi, Guglielmo creò una serie di contee nelle terre di confine, in particolare a Chester, sotto Ugo d'Avranches; Shrewsbury, sotto Ruggero II di Montgomery; e Hereford, sotto William FitzOsbern. Diede grandi poteri alle contee, garantendo loro il controllo delle terre e delle città circostanti. Con queste concessioni poté essere implicito attaccare il Galles, come fu fatto, a partire dal sud-est, dove erano iniziate molte ribellioni contro l'Inghilterra. Alla morte di FitzOsbern nel 1071, fu costruito e fondato un castello alla foce del Wye, che fu usato come base per l'espansione normanna verso ovest, con un nuovo castello eretto a Caerleon nel 1086 e all'annesso Gwent. Tuttavia, gli attacchi nel sud-est del Galles "fallirono gravemente quando il figlio del conte di Hereford] [Roger de Breteuil] ... perse la proprietà per tradimento nel 1075 e coinvolse alcuni dei suoi vassalli sul confine gallese nella sua caduta". Tuttavia, la pressione normanna rimase.

Rapporti con Enrico IModifica

Questi movimenti continuarono nel XII secolo, durante il regno di Enrico I. L'inizio del XII secolo fu vissuto come un periodo di relativa pace, sebbene l'influenza gallese in Galles fosse considerevole. L'unica spedizione reale gallese risale al 1114, quando "mise in moto tre eserciti separati per copiare il vecchio principe di Gwynedd". Il principe, Gruffudd ap Cynan, vGruffydd ap Cynan, tuttavia, vide meglio fare pace con il re piuttosto che impegnarsi in una guerra aperta o in ostilità. Durante il periodo, Enrico esercitò un grande controllo sul Galles, costruendo nuovi castelli e mettendo al potere nuovi Lord. Alla sua morte, scoppiarono ulteriori rivolte in varie parti del Galles. I Normanni furono costretti a ritirarsi da molti dei territori, più sorprendentemente a Deheubarth, dove, secondo RR Davies, "i Normanni avevano fatto i loro progressi più sorprendenti nella generazione precedente". Il periodo vide un cambio di ruolo nel destino di entrambe le parti, con conflitti interni tra i normanni, lo stesso tipo di conflitti che aveva causato il relativo fallimento del Galles nel secolo precedente.

Enrico II e il GallesModifica

Nel 1157, Enrico II d'Inghilterra, il figlio di Matilde guidò la sua prima spedizione sul suolo gallese che provocò una grande e umiliante sconfitta nella Battaglia di Ewloe a Coleshill / Mixtas Eulo, dove Enrico quasi perse la vita e fu costretto a fuggire.[2] Si mosse di nuovo contro i suoi avversari nel 1163 e costrinse i due più potenti principi gallesi Rhys ap Gruffydd e Owain Gwynedd a rendergli una vaga forma di tributo, insieme al re di Scozia. Questo fu il catalizzatore della rivolta in Galles; Enrico II subì una sconfitta umiliante nel 1165 nella battaglia di Crogen vicino ai Monti Berwyn.[3] Enrico non fu mai in grado di invadere con successo il Galles e fu costretto a cercare un compromesso con Rhys ap Gruffydd per controllare il sud del paese.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Marjorie Chibnall, The Normans, Massachusetts, Blackwell Publishing, 2000, p. 65.
  2. ^ (EN) Davies, R.R. The Age of Conquest: Wales, 1063-1415, p. 52
  3. ^ (EN) Lloyd, J.E., A History of Wales; From the Norman Invasion to the Edwardian Conquest, Barnes & Noble Publishing, Inc. 2004, p.112-114

BibliografiaModifica

  • Carr, A.D. Medieval Wales, St. Martin's Press, 1995. ISBN 0-333-54772-1.
  • Davies John, A History of Wales, Penguin Books, 1994. ISBN 0-14-014581-8
  • Davies, R.R. The Age of Conquest: Wales, 1063-1415, St. Martin's Press, 2000. ISBN 0-19-820198-2.
  • Lloyd, J.E., A History of Wales; From the Norman Invasion to the Edwardian Conquest, Barnes & Noble Publishing, Inc. 2004
  • Walker, David. Medieval Wales, Cambridge University Press, 1990. ISBN 0-521-31153-5.

Collegamenti esterniModifica