Ischyromys

genere di animale della famiglia Ischyromyidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ischyromys
Ischyromys oweni.jpg
Scheletro di Ischyromys oweni
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Rodentia
Sottordine Protrogomorpha
Famiglia Ischyromyidae
Genere Ischyromys

L'ischiromio (gen. Ischyromys) è un roditore estinto, vissuto tra l'Eocene inferiore e l'Oligocene inferiore (50 - 30 milioni di anni fa) in Nordamerica.

DescrizioneModifica

L'aspetto di questo animale era piuttosto simile a quello di uno scoiattolo; le proporzioni del corpo, in generale, assomigliavano a quelle di un cane della prateria (gen. Cynomys), ma la coda era più lunga e robusta, forse ancor più che negli scoiattoli o nell'affine Paramys. Gli incisivi erano già ben sviluppati come quelli degli odierni roditori, mentre le zampe posteriori erano più lunghe di quelle anteriori. La taglia era notevole, e poteva raggiungere i 60 centimetri di lunghezza (coda compresa).

Il cranio era meno appiattito e grande di quello del castoro di montagna (Aplodontia rufa); le due creste temporali si univano nella parte posteriore delle orbite per formare una lunga cresta sagittale. Il forame suborbitale era di tipo primitivo, così come le arcate zigomatiche, la cui superficie ventrale era allargata. Le bolle timpaniche erano grandi e rigonfie.

ClassificazioneModifica

L'ischiromio (il cui nome significa "topo forte") è uno dei roditori più antichi e primitivi che si conoscano, e appartiene all'arcaico gruppo dei protrogomorfi (Protrogomorpha) attualmente rappresentato dal solo castoro di montagna. La famiglia degli ischiromiidi (Ischyromyidae) comprende altre forme piuttosto note come Titanotheriomys, Paramys, Paracitellus, Ailuravus, Franimys, Acritoparamys e Microparamys. Il genere Ischyromys venne descritto per la prima volta nel 1856 da Joseph Leidy. Le specie più note di ischiromio erano Ischyromys typus (la specie tipo) e I. parvidens.

 
Cranio di Ischyromys

Stile di vitaModifica

A differenza di gran parte dei mammiferi coevi, l'ischiromio doveva essere un animale arboricolo. Le sue zampe munite di artigli erano ben adattate alla vita sugli alberi, e l'animale doveva essere un ottimo arrampicatore. È possibile che l'ischiromio e i suoi parenti furono gli attori di una competizione evolutiva con i primati plesiadapiformi, simili a roditori, che alla fine si estinsero lasciando campo libero ai veri roditori.

BibliografiaModifica

  • Black, C. C. 1968. The Oligocene rodent Ischyromys and discussion of the Family Ischyromyidae. Annal. Carnegie Mus., vol. 38, art. 1, pp. 1–48.
  • Flynn, J. J. 1977. Morphological variation in the Oligocene Ischyromyidae (Rodentia) from Flagstaff Rim, Wyoming. Unpub. ms., Yale Univ., Dept. Geol. Geophys., Senior Pap. Ser.
  • Friant, M. 1935. Sur les molaires vierges d'Ischyromys. Ann. and Mag. Nat. Hist., vol. 16, no. 93, pp. 392–394.Heaton, T. H. 1988. Patterns of Evolution in Ischyromys and Titanotheriomys (Rodentia: Ischyromyidae) from Oligocene Deposits of Western North America. Ph.D. dissertation, Harvard University, Cambridge, Massachusetts, 165 p.
  • Howe, J. A. 1956. The Oligocene rodent Ischyromys in relationship to the paleosols of the Brule Formation. Unpub. M.S. thesis, Univ. Nebraska, Lincoln.
  • Howe, J. A. 1966. The Oligocene rodent Ischyromys in Nebraska. Jour. Paleont., vol. 40, no. 5, pp. 1200–1210.
  • Matthew, W. D. 1910. On the osteology and relationships of Paramys, and the affinities of the Ischyromyidae. Bull. Amer. Mus. Nat. Hist., vol. 28, pp. 43–72.
  • Troxell, E. L. 1922. Oligocene rodents of the Genus Ischyromys. Amer. Jour Sci., ser. 5, vol. 3, art. 8, pp. 123–130.
  • Wood, A. E. 1976. The Oligocene Rodents Ischyromys and Titanotheriomys and the content of the Family Ischyromyidae. pp. 244–277 in C. S. Churcher (ed.) Athlon: Essays on Paleontology in Honor of Loris Shano Russell. Royal Ontario Mus. Life Sci. Misc. Publ., Univ. Toronto Press.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica