Jabhat al-Akrad

Jabhat al-Akrad
لواء جبهة الأكراد
AttivaAprile 2014-presente[1]
NazioneSiria Siria
ContestoGuerra civile siriana
AlleanzeLiwa Thuwwar al-Raqqa[2]
People's Protection Units[3]
Al-Tawhid Brigade[3]
Al-Tawhid Brigade
Jaysh al-Islam[4]
Affinità politicheEuphrates Volcan[5]
Jaysh al-Thuwar[6]
Componenti
Componenti principaliHajji Ahmed Kurdi[7]
Attività
Azioni principaliGruppo militare organizzato

Jabhat al-Akràd (in arabo: جبهة الأكراد), noto anche come Kurdish Front Brigade (in arabo: لواء جبهة الأكراد لنصرة شعبنا السوري Liwa 'Jabhat al-'Akrad l-Nusrah Sha'bnā al-Suri, Brigata frontale curdo per proteggere la popolazione siriana, curdo: Eniya Kurdan جهبههت ئهل-ئهکراد), è una fazione armata di maggioranza curda che partecipa alla guerra civile siriana.

Il gruppo era originariamente formato come una brigata dell'Esercito Siriano Libero da disertori curdi e arabi dall'esercito siriano. Ha inoltre mantenuto stretti legami con l'Unione Democratica Party (PYD) sin dalla sua fondazione, compreso il coordinamento militare con il suo braccio armato, Unità di Protezione Popolare (YPG). Jabhat al-Akràd opera in aree curde e etnicamente miste in Aleppo e Raqqa e altre province della Siria, soprattutto al di fuori delle enclavi curde quasi autonome in Kurd Dagh, Jazira, e la Kobanê Cantone, che sono controllati dal YPG. Queste aree includono la campagna a nord e ad est della città di Aleppo, città di Aleppo in sé, la zona di Tall Abyad nella provincia settentrionale di Raqqa e la città stessa Raqqa.

Jabhat al-Akràd è stato espulso dal Consiglio Militare, FSA di Aleppo il 16 agosto 2013 a causa di presunte appartenenze del PKK[8] in mezzo a scontri diffusi nel nord della Siria tra i ribelli della maggioranza sunnita arabo gruppi guidati da unità affiliati ad al-Qaeda e le milizie curdo led dalla YPG.

Nei primi mesi del 2014, dopo diversi mesi di inattività, Jabhat al-Akràd riemerse a collaborare con l'Esercito Siriano Libero e altre fazioni ribelli in attacchi contro lo Stato islamico dell'Iraq e il Levante (ISIL). Il 28 febbraio, ISIL si è ritirato dalla città di confine strategico di Azaz, che è stata poi presa da Jabhat al-Akràd, il nord Tempesta Brigata e Al-Tawhid Brigata.[3] La fazione e 10 altri gruppi hanno minacciato di lasciare Aleppo e Raqqa se non sono aiutati da altri ribelli.[1]

Il 5 maggio 2015, gli ex membri del Movimento di Hazzm e il Syria Revolutionaries Front con sede a nord, Jabhat al-Akràd, il Northern Sun Battalion e gruppi FSA piccoli formati da Jaysh al-Thuwar.[6][9]

NoteModifica

  1. ^ a b Rebels demand help as fighting rages against ISIS in Ghouta, The Daily Star, 3 luglio 2014. URL consultato il 9 luglio 2014.
  2. ^ Syria rebels struggle for control over ISIL-held Raqqa, ARA News, 13 maggio 2014. URL consultato il 16 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2014).
  3. ^ a b c Wladimir van Wilgenburg, Syrian Kurds, rebels find common enemy in ISIS, su Al Monitor, 27 marzo 2014. URL consultato il 16 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  4. ^ Al-Akrad Front defeats ISIL in Aleppo, ARA News, 24 giugno 2014. URL consultato il 24 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2014).
  5. ^ YPG and FSA form a joint military chamber to combat ISIS in Syria, su aranews.net, ARA News, 12 settembre 2014. URL consultato l'11 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2014).
  6. ^ a b #Syria: Seven FSA groups (incl. Jabhat Akrad, Shams Shamal & Homs Revolutionary Union) form "The Revolutionary Army"., su Twitter.
  7. ^ Mutlu Civiroglu, Kurdish Commander: Jihadi Groups in Syria Have Hijacked FSA, Rudaw English, 11 agosto 2013. URL consultato il 16 maggio 2014.
  8. ^ Wladimir van Wilgenburg, FSA Removes Jabhat al-Akrad From Council, su Transnational Middle-East Observer, 16 agosto 2013. URL consultato il 16 maggio 2014.
  9. ^ #SRO - EXCLUSIVE - Former Hazzm and #SRF forces allied with kurds and some #FSA small units to create Jaysh al-Thuwar (in 4 governorates)., su Twitter.

Voci correlateModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra