Jah Lloyd

cantante, disc jockey e beatmaker giamaicano
Jah Lloyd
NazionalitàGiamaica Giamaica
GenereReggae[1]
Drum and bass[1]
Dub[1]
Periodo di attività musicale1974 – 1999
StrumentoVoce
Campionatore
Turntables
Album pubblicati11
Studio11

Jah Lloyd, pseudonimo di Patrick Lloyd Francis, conosciuto anche come Jah Lion o The Black Lion of Judah (Point Hill, 28 agosto 1947Kingston, 12 giugno 1999), è stato un cantante, disc jockey e beatmaker giamaicano.

BiografiaModifica

La sua carriera comincia negli anni sessanta come cantante nel gruppo The Mediators con Fitzroy "Bunny" Simpson e lavora come solista registrando tracce come Soldier Round The Corner e Know Yourself Blackman registrati per il produttore Rupie Edwards[2]. Nei primi anni settanta si dedica alla produzione e alla registrazione dei brani del nuovo gruppo di Simpson, i The Diamond, successivamente conosciuti come The Mighty Diamonds[2]. In quegli anni produce anche l'album di Mike Brooks What a Gathering del 1976[3] e l'album Goldmine Dub dei The Revolutionaries[4].

Successivamente lavora anche con Lee "Scratch" Perry (che gli consiglia di cambiare il suo nome in Jah Lion) all'album Colombia Colly distribuito nel 1976 dall'etichetta Island Records. La traccia Wisdom estratta dall'album viene inserita nella colonna sonora del film Countryman e Soldier and Police War arriva in cima a tutte le classifiche reggae[2]. Dopo questa esperienza ritorna come Jah Lloyd e registra due album per la Virgin Records, intitolati rispettivamente The Humble One e Black Moses.

In seguito a questi album si concentra principalmente sulle produzioni, e fonda la sua etichetta, la Teem, nella metà degli anni settanta; l'etichetta ad oggi continua a produrre album, soprattutto si occupa di ristampe su CD di vecchi dischi in vinile[5].

Nel 1999 viene stroncato dalle complicanze di una Infezione Polmonare Acuta a Kingston.

AlbumModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c All Music Guide - Jah Lion, su allmusic.com. URL consultato il 26 novembre 2008.
  2. ^ a b c Colin Larkin, The Virgin Encyclopedia of Reggae, Virgin Books, 1998.
  3. ^ roots-archives.com - What a Gathering, su roots-archives.com. URL consultato il 26 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2008).
  4. ^ roots-archives.com - Goldmine Dub, su roots-archives.com. URL consultato il 26 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2008).
  5. ^ Peter Dalton, The Rough Guide To Reggae, 3rd edn, Rough Guides, 2004.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN61137448 · ISNI (EN0000 0000 5553 465X · Europeana agent/base/108223 · LCCN (ENno96022685 · GND (DE134900812 · BNF (FRcb139225174 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96022685