Apri il menu principale

Johannes de Muris

teorico della musica, matematico e astronomo francese

Johannes de Muris (Normandia, 1300 circa – 1350) è stato un teorico della musica, matematico, astronomo e riformatore del calendario francese.

Libellus cantus mensurabilis

BiografiaModifica

De Muris ha insegnato da 1321 all'università della Sorbona a Parigi dove è morto presumibilmente intorno al 1350. Fu uno dei più influenti teorici dell'Ars nova. I trattati da lui scritti furono Musica practica e Musica speculativa. Scrisse inoltre di matematica in Quadripartitum numerorum del 1343 e di proposta per la riforma del calendario nel 1317.

De Muris contribuì anche alla diffusione delle Tavole alfonsine. Nel 1318 misurò ad Evreux l'inclinazione dell'eclittica (e osservò l'equinozio) con un quadrante di propria fabbricazione e di 15 piedi di raggio.[1] Egli osservò anche le congiunzioni. [2] Ci sono anche indicazioni sue su ulteriori osservazioni astronomiche (come l'eclissi solare del 1337) in Bernay, Fontevrault, Évreux, Parigi e Mézières-en-Brenne contenute in un manoscritto nell'Escorial.[3]

OpereModifica

MusicaModifica

  • Musica practica
  • Musica speculativa secundum Boethium (1323)

MatematicaModifica

  • Canones tabule tabularum (1321)
  • Quadripartitum numerorum (1343)
  • Arithmetica speculativa (1343)
  • Figura inveniendi sinus kardagrum

Riforma del calendarioModifica

  • Epistola super reformatione antiqui kalendarii (1317)

NoteModifica

  1. ^ (EN) Olaf Pedersen, Mogens Pihl Early physics and astronomy, American Elsevier 1974, biographischer Eintrag S. 375
  2. ^ Lettera a papa Clemente VI (morto nel 1352), pubblicato in (FR) Pierre Duhem: Le systeme du monde. Vol. IV, Parigi, 1916, pp. 35–37, dove la lettera tratta delle future congiunzioni (1357, 1365), e sulla congiunzione del 1345 in (DE) Hubert Pruckner: Studien zu den astrologischen Schriften des Heinrich von Langenstein. Leipzig 1933, S. 222–226.
  3. ^ Poulle in Dictionary of Scientific Biography

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316786968 · ISNI (EN0000 0004 5851 571X · LCCN (ENn91014760 · GND (DE11855784X · BNF (FRcb121715011 (data) · NLA (EN35592648 · BAV ADV12330854 · CERL cnp01328830 · WorldCat Identities (ENn91-014760