John Krokidas

regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense

John Krokidas (Springfield, 1º ottobre 1973) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

BiografiaModifica

Apertamente omosessuale, è nato da padre greco, discendente da una famiglia italiana, e madre ebrea.[1][2][3] Ha studiato all'Università di Yale, iniziando dalla recitazione. Ha ottenuto un Bachelor of Arts, con una laurea in teatro e studi americani. In seguito si è laureato presso l'Università di New York, dove ha frequentato il Graduate Film program.[3][4]

Ha diretto il lungometraggio Giovani ribelli - Kill Your Darlings (titolo originale Kill Your Darlings), presentato al Sundance Film Festival nel gennaio 2013 e selezionato nelle Giornate degli Autori alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. La pellicola, tratta dal romanzo E gli ippopotami si sono lessati nelle loro vasche degli scrittori di Jack Kerouac e William Burroughs, è incentrata sull'omicidio di David Kammerer da parte di Lucien Carr e di come questo coinvolga tre grandi poeti della Beat Generation: Allen Ginsberg, Jack Kerouac e William Burroughs.

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

  • Shame No More (1999) - cortometraggio
  • Slo-Mo (2001) - cortometraggio
  • Anatomy of a Socially Awkward Situation (2008) - cortometraggio
  • Giovani ribelli - Kill Your Darlings (Kill Your Darlings) (2013)

ProduttoreModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Iris Mann, Little-known stories live large on screen, The Jewish Journal, 6 settembre 2013.
  2. ^ (EN) John Krokidas' movie release date announced, The Pappas Post, 9 giugno 2013. URL consultato il 1º febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2013).
  3. ^ a b (EN) Director John Krokidas is bringing Beat generation to Sundance, The Pappas Post, 11 gennaio 2013. URL consultato il 1º febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2013).
  4. ^ (EN) Kill Your Darlings, Toronto International Film Festival. URL consultato il 1º febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2013).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN308699205 · ISNI (EN0000 0004 3427 8166 · GND (DE1051631718 · BNF (FRcb170128799 (data) · WorldCat Identities (EN308699205