Apri il menu principale
Julius Ringel
Bundesarchiv Bild 183-R63746, Julius Ringel.jpg
16 novembre 1889 – 11 febbraio 1967 (77 anni)
SoprannomePapa
Nato aVölkermarkt
Morto aBayerisch Gmain
Dati militari
Paese servitoFlag of Austria-Hungary (1869-1918).svg Impero austro-ungarico
Flag of Austria.svg Austria
Flag of Germany (1935–1945).svg Germania nazista
Forza armataAustria-Hungary War Ensign1918.png Imperiale e regio esercito
Roundel of Austria.svg Österreiches Bundesheer
War ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
CorpoGebirgsjäger
Anni di servizio1905-1945
GradoGeneral der Gebirgstruppe
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Norvegia
Operazione Marita
Campagna di Russia
Campagna d'Italia
BattaglieBattaglia di Creta
Assedio di Leningrado
Battaglia di Montecassino
Comandante di3. Gebirgs-Division
5. Gebirgs-Division
LXIX Armeekorps
Armeekorps Ringel
DecorazioniCroce di Cavaliere della Croce di Ferro con fronde di quercia
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Julius Ringel (Völkermarkt, 16 novembre 1889Bayerisch Gmain, 11 febbraio 1967) è stato un generale austriaco, che combatté nell'esercito tedesco durante la seconda guerra mondiale.

Indice

BiografiaModifica

Partecipò alla prima guerra mondiale battendosi nell'esercito imperiale austro-ungarico. Nell'intervallo tra le due guerre prestò servizio presso lo Stato Maggiore Generale ad Innsbruck e quindi come comandante di battaglione a Graz. Dopo l'Anschluss passò alla Wehrmacht.

Partecipò alla campagna di Norvegia come capo delle operazioni della 3ª divisione alpina e poi come comandante della 5ª divisione alpina. Guidò poi la sua divisione in Grecia collaborando, nella 12ª Armata, allo sfondamento della linea Metaxas. Partecipò in seguito all'operazione di Creta, assumendo, dopo la fase iniziale, il comando locale delle forze tedesche a Creta.

Fu quindi sul fronte russo, battendosi sulle coste del lago Ladoga presso Leningrado e infine sul fronte italiano a Cassino.

Fu decorato con Ritterkreuz il 13 giugno 1941 e con Eichenlaub il 25 ottobre dello stesso anno.

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • B. Palmiro Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale, vol. 2, Milano, Mondadori Editore, 1975, p. 136, SBN IT\ICCU\TO0\0604602.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN298229335 · GND (DE103358391X