Kick-Ass

serie a fumetti statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Kick-Ass (disambigua).
Kick-Ass
fumetto
Kick-Ass 1.jpg
Copertina di Panini Comics Presenta n.23
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreMark Millar
TestiMark Millar
DisegniJohn Romita Jr. matite, Tom Palmer rifiniture e chine
EditoreMarvel Comics - Icon Comics
1ª edizionefebbraio 2008 – febbraio 2010
Periodicitàirregolare
Albi8 (completa)
Editore it.Panini Comics
Collana 1ª ed. it.Panini Comics Presenta
1ª edizione it.marzo – giugno 2010
Periodicità it.mensile
Albi it.4 (completa)
Seguito daKick-Ass 2, Kick-Ass 3

Kick-Ass è una miniserie a fumetti statunitense di 8 numeri scritta da Mark Millar e disegnata da John Romita Jr., pubblicata dal 2008 al 2010 dalla Icon Comics (etichetta della Marvel Comics). Si tratta della quarta opera ad essere realizzata per la linea editorile Millarworld, il sub-imprint per il quale sono pubblicati i fumetti creator-owned di Millar, cioè quelle opere indipendenti di cui l'autore detiene i diritti editoriali.

La miniserie dà origine a due sequel a fumetti e ad un lungometraggio cinematografico di successo uscito nel 2010. Il film porta a sua volta ad una trilogia cinematografica, consacrando Kick-Ass come uno dei maggior successi del fumetto indipendente.

Indice

TramaModifica

Dave Lizewski è un comune studente di New York, figlio unico dell'amorevole padre vedovo Greg Willer. La grande passione di Dave per i fumetti ispira il ragazzo a diventare un supereroe nella vita reale senza avere superpoteri o particolari doti. Si crea un costume e una maschera, che indossa quotidianamente sotto i vestiti normali, inizia ad esercitarsi camminando sui tetti. Mantenendo la sua identità segreta, mira a combattere la criminalità, ma i suoi primi tentativi hanno un esito quasi tragico poiché subisce le percosse e l'accoltellamento da parte di un gruppo di teppisti.

Dopo essere stato aggredito ed essersi sottoposto a quattro operazioni, è sottoposto a una lunga e intensa riabilitazione fisica. Dopo essersi ristabilito e aver abbandonato le stampelle, riveste ancora i panni del supereroe. Un giorno salva un uomo da un'aggressione, un passante riprende il tutto con una fotocamera cellulare e mette il filmato su YouTube, trasformando Dave in un fenomeno ribattezzato "Kick-Ass".

A scuola, Dave ha da tempo una cotta per Katie Deauxma, che però gli è ostile, non ha alcuna considerazione per lui e lo definisce unicamente un maniaco ed un brutto sfigato. Ma quando a causa dei pettegolezzi scaturiti sul perché fosse stato aggredito, la inducono credere che fosse gay, Dave ne approfitta e assecondandola diventa il suo "migliore amico gay", potendo così passare molto tempo con lei. Dave, come Kick-Ass, crea un account su MySpace in modo che la gente possa contattarlo per chiedergli aiuto. Nelle sue varie missioni, Kick-Ass avrà modo di entrare in contatto con altri "supereroi improvvisati", come la ragazzina armata di spade Hit-Girl e il suo partner Big Daddy, veri e propri vigilanti che utilizzano armi mortali contro i criminali, uccidendoli senza scrupoli.

L'incontro con la letale Hit-girl sconvolge il giovane Dave, che decide di ritirarsi dalle scene, ma ci ripensa quando un nuovo supereroe appare in tutti i telegiornali, tale Red Mist. La stampa è entusiasta di lui, e lo paragona spesso proprio a Kick-Ass, che viene superato nelle preferenze tra i fan. Dave allora contatta Red Mist tramite il suo account di MySpace, pensando di incontrare un arrogante spaccone, ma Red Mist si rivela un fan di Kick-Ass, oltre ad essere un nerd annoiato dalla vita quotidiana.

I due si trovano a fare un team-up come i loro eroi dei fumetti quando si trovano ad affrontare un incendio nel tentativo di salvare quello che credono un bambino in pericolo (in realtà il "piccolo" in questione è un gattino, che viene puntualmente salvato). Saputo ciò, Hit-girl e Big Daddy invitano Kick e Red Mist ad unirsi a loro, minacciando di rivelare al mondo la vera identità di Dave, in caso di rifiuto. Ma quando i due ragazzi raggiungono il covo di Big Daddy trovano la mafia, e Red Mist si rivela essere in realtà Chris Genovese, figlio del boss a cui Big Daddy e Hit-Girl hanno dichiarato guerra.

Genovese spara ad Hit-Girl, facendola precipitare da una finestra, mentre Big Daddy e Kick-Ass vengono catturati e torturati: Big Daddy, che aveva detto a Dave di essere un poliziotto rimasto vedovo in cerca di vendetta, rivela di essere in realtà un ragioniere, divorziato e annoiato, appassionato di fumetti che voleva per sé e sua figlia una vita avventurosa.

Big Daddy viene ucciso, ma Dave viene salvato da Hit-Girl, sopravvissuta grazie al kevlar che indossava: la ragazzina interviene uccidendo i killer che erano sul punto di sparagli. In seguito i due raggiungono Genovese nel suo attico, dove Hit-Girl, sotto effetto di stupefacenti lasciatigli dal padre (probabilmente cocaina, come sottolineato da Kick-Ass stesso) con l'ordine di «usarli come ultima risorsa», e armata di lanciafiamme, compie una vera e propria strage di criminali mentre Dave raggiunge Red Mist per punirlo del suo tradimento, mettendolo K.O. con un bastone.

Hit-Girl uccide Genovese e la sua banda, compiendo la propria vendetta. Anche Dave torna alla vita di prima: confessa a Katie di non essere gay, dichiarandole il suo amore, ma anziché venire ricambiato, Katie si infuria come una matta perdendo completamente il lume della ragione e lo fa pestare dal suo nuovo fidanzato. Non del tutto soddisfatta di questa sua vendetta per essere stata imbrogliata e aver sprecato il suo tempo con un perdente, e per infierire ulteriormente su di lui, Katie invia sul cellulare di Dave (con grande dolore emotivo di quest'ultimo) una sua foto mentre pratica sesso orale al suo ragazzo, accompagnata da 15 messaggi offensivi dei suoi amici. Ma pur rimanendo il solito perdente, Dave si sente appagato: ormai ha tracciato la via e i supereroi nella vita reale cominciano ad abbondare, grazie al suo esempio.

Ma ogni eroe ha la sua nemesi e Kick-Ass non è da meno: Red Mist giura vendetta e presto le loro strade torneranno ad incrociarsi.

PersonaggiModifica

  • Dave Lizewski alias Kick-Ass
  • Mindy Macready alias Hit-Girl
  • Damon Macready alias Big Daddy
  • Katie Deauxma
  • Chris Genovese alias Red Mist

PromozioneModifica

Prima della pubblicazione della serie è stata attivata una campagna virale grazie alla diffusione di alcuni video su internet tramite YouTube. Nello stesso periodo è stata aperta una pagina di MySpace, fittiziamente gestita dal protagonista. Inoltre è stata organizzata un'asta benefica, dove il vincitore, Dave Lizewski, ha potuto dare il suo nome al protagonista della serie a fumetti.[1]

Altri mediaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Kick-Ass (film).

Nel maggio 2008 fu annunciato che il fumetto Kick-Ass sarebbe stato adattato per il grande schermo.[2] Il film è stato diretto da Matthew Vaughn, con un budget di circa 30 milioni di dollari,[3] in seguito saliti a 65 milioni.[4]

Per la parte del protagonista Dave "Kick-Ass" Lizewski è stato scelto l'attore inglese Aaron Johnson, la parte dell'ex poliziotto Big Daddy è interpretata da Nicolas Cage. La parte della figlia di Big Daddy, Hit-Girl, è interpretata da Chloë Moretz. Christopher Mintz-Plasse è Red Mist, nemesi di Kick-Ass, mentre Mark Strong e Lyndsy Fonseca sono rispettivamente il signore della droga e Katie Deauxma.

Il film è uscito negli USA il 16 aprile 2010.[5]

SequelModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Kick-Ass 2.

Kick-Ass ha tre seguiti:

  • Kick-Ass 2, costituito da sette episodi, pubblicato originariamente dal dicembre 2010 al maggio 2012, in italia è stato pubblicato raccolto in quattro volumi a partire dal luglio 2012 e successivamente in un unico omnibus.
  • Hit-Girl, miniserie di cinque episodi che costituisce un prequel di Kick-Ass 2, pubblicata in lingua originale dal luglio 2012 al febbraio 2013. In italia la serie è stata pubblicata in tre albi e successivamente in un volume unico.
  • Kick-Ass 3, finale della saga, pubblicato dal luglio 2013 a ottobre 2014 in otto episodi. In italia è stato pubblicato in 4 albi e successivamente raccolto in un unico omnibus.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Kick-Ass, tvtropes.org. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  2. ^ Rich Johnston, "Lying in the Gutters" (column), in Volume 2, Column 157, Comic Book Resources. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  3. ^ (EN) Matthew Vaughn ready to 'Kick-Ass', hollywoodreporter.com. URL consultato il 22 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2008).
  4. ^ (EN) Ink Online: Kick-Ass, Northlanders, and Runaways Reboot, g4tv.com. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) Release dates for Kick-Ass, su imdb.com. URL consultato il imdb.com.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF: (EN182154082 · LCCN: (ENno2010054192
  Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics