Kieron Gillen

giornalista britannico
Kieron Gillen nel 2011 al New York Comic Con

Kieron Michael Gillen (Stafford, 30 settembre 1975) è un fumettista e giornalista britannico Noto principalmente come autore dei fumetti creator-owned Phonogram e The Wicked + The Divine, entrambi disegnati da Jamie McKelvie, oltre che per i lavori alla Marvel Comics sulle testate Journey into Mystery, Uncanny X-Men, Iron Man, Giovani Vendicatori e diverse serie dedicate all'universo di Guerre stellari. È inoltre co-fondatore e redattore occasionale della testata online Rock, Paper, Shotgun, specializzata nell'ambito di giochi per PC, e ha scritto per altre testate quali PC Gamer UK, The Escapist, Wired e The Guardian.

CarrieraModifica

La sua carriera di giornalista e critico videoludico comincia nella seconda metà degli anni '90, collaborando a numerose testate di settore, sia cartacee che online. Nei primi anni 2000 esordisce nel campo dei fumetti scrivendo i fumetti su licenza Warhammer Monthly e Chaos League, stringendo una stretta collaborazione con il disegnatore Jamie McKelvie nel 2003, lavorando con lui ad una striscia periodica per PlayStation Official Magazine (UK). Proprio con McKelvie dà vita nel 2006 alla miniserie a fumetti Phonogram pubblicata da Image Comics. Nel 2007 diviene uno dei fondatori e principali redattori della testata Rock, Paper, Shotgun e nel 2008 esordisce per Marvel Comics con due storie dedicate ai personaggi di Dazzler e Beta Ray Bill. Per la stessa casa editrice scrive nel 2009 il tie-in Dark Avengers: Ares collegato all'evento Regno oscuro e ottiene il suo primo incarico su una serie regolare, S.W.O.R.D.. A causa degli impegni sempre più stringenti con la Marvel Gillen decide di interrompere la collaborazione stabile con Rock, Paper, Shotgun nel 2010[1], anno in cui succede allo sceneggiatore Matt Fraction sulla testata Thor, pur continuando a scrivervi occasionalmente. Successivamente diviene lo sceneggiatore della testata Generation Hope, nata in seguito all'evento Second Coming, per poi prendere in mano le redini della testata Uncanny X-Men[2] fino al crossover Avengers vs. X-Men. Inoltre, in concomitanza con Fear Itself, scrive la serie tie-in Journey into Mystery. Nel 2012, con l'avvento del rilancio Marvel NOW!, diviene lo sceneggiatore delle testate Invincible Iron Man, disegnata da Greg Land, e Giovani Vendicatori, disegnata da Jamie McKelvie. Nel 2013 comincia a collaborare con l'Avatar Press, per la quale crea le serie Über e Mercury Heat[3], oltre ad essere tra gli autori dell'antologia Cinema Purgatorio creata da Alan Moore[4]. Nel 2014 crea per Image Comics la serie The Wicked + The Divine, nuovamente in collaborazione con Jamie McKelvie[5]. Nel 2016 la Marvel gli affida la sceneggiatura di diverse testate, miniserie e one-shot dedicate all'universo di Guerre stellari, in particolare la serie regolare Star Wars: Darth Vader[6][7].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Kieron Gillen, Half-Life: On Turning 35 And Leaving RPS, su Rock, Paper, Shotgun, 30 settembre 2010. URL consultato il 4 febbraio 2020.
  2. ^ Gillen Prepares His "Uncanny" Solo | CBR, su www.cbr.com. URL consultato il 4 febbraio 2020.
  3. ^ Avatar Press: A giugno arriva “Mercury Heat”, il nuovo progetto di Kieron Gillen – C4 Comic, su c4comic.it. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  4. ^ Giorgio Parma, Su Kickstarer arriva Cinema Purgatorio, antologia horror di Moore, O’Neill, Gillen, Ennis e altri - Comicus, su www.comicus.it. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  5. ^ (EN) The Wicked + The Divine, su Image Comics. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  6. ^ (EN) Talking To Kieron Gillen About His New Darth Vader Comic For Marvel's Star Wars Line, su Bleeding Cool News And Rumors, 26 luglio 2014. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  7. ^ (EN) SDCC 2014: Inside Marvel's New Star Wars Comics - Exclusive, su StarWars.com, 26 luglio 2014. URL consultato il 5 febbraio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90762655 · ISNI (EN0000 0000 6527 7757 · Europeana agent/base/80538 · LCCN (ENno2007101913 · GND (DE1095512234 · BNF (FRcb160907285 (data) · BNE (ESXX5037644 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2007101913