La ballata dell'amore cieco

canzone di Fabrizio De André
La ballata dell'amore cieco
ArtistaFabrizio De André
Autore/iFabrizio De André
GenereSwing
Musica d'autore
Esecuzioni notevoliFrancesco Baccini
Pubblicazione originale
IncisioneLa canzone dell'amore perduto/La ballata dell'amore cieco (o della vanità)
Data1966
EtichettaKarim KN 214
Duratamin : 3' 02 s
Certificazioni (digitale)
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(vendite: 35 000+)

La ballata dell'amore cieco è una canzone scritta da Fabrizio De André.

EdizioniModifica

La canzone fu incisa e pubblicata per la prima volta da Marzia Ubaldi per la Karim poco prima della versione cantata dall'autore stesso del brano, Fabrizio De André (infatti il disco della cantante ha come numero di catalogo KN 211, mentre quello del cantautore ha KN 214). Poco dopo, la canzone fu pubblicata da De André come singolo nel dicembre del 1966, come lato B del 45 giri La canzone dell'amore perduto/La ballata dell'amore cieco (o della vanità)[2]: nello stesso anno fu inserita nell'album Tutto Fabrizio De André. Una seconda registrazione di De André fu inclusa nell'album Canzoni del 1974.

Il brano è contenuto anche nell'album Forza Francesco! di Francesco Baccini, mentre due versioni live sono contenute nei doppi album La notte non dormo mai - Live on tour 2002 e Faber, amico fragile.

Contenuto e ispirazioneModifica

Il brano narra la tragica storia di un «uomo onesto, un uomo probo» che si innamora follemente di una femme fatale di chiara ispirazione baudelairiana, la quale però non ricambia il sentimento e, come prova d'amore, gli impone prima di uccidere la madre portandole il suo cuore, poi di tagliarsi le vene dei polsi e quindi di morire. Tuttavia la donna, quando si accorge che il poveretto muore felice, è presa da sconcerto. Il suo vanitoso atteggiamento di superiorità le si rivolge contro, in quanto, mentre lui spira contento e innamorato, a lei non resta nulla: «non il suo amore, non il suo bene, ma solo il sangue secco delle sue vene». Con questa conclusione De André esce dal canone letterario, mostrando anche la fragilità umana del personaggio violento[3].

Il contenuto drammatico del testo e le scene forti contrastano con irriverenza con l'allegro ritmo swing della musica, richiamato dal «tra-la-la-lalla, tra-la-la-leru», degno di una gioiosa filastrocca.[4]

Il soggetto del brano è ripreso dalla poesia "Cuore di mamma" del poeta francese Jean Richepin.[5]

Lista delle edizioniModifica

NoteModifica

  1. ^ La ballata dell'amore cieco (certificazione), su FIMI. URL consultato il 15 novembre 2021.
  2. ^ Discografia Nazionale della Canzone Italiana, su discografia.dds.it.
  3. ^ Liana Nissim. Il rispettoso bardo della donna, da AA.VV. Fabrizio De André. Accordi eretici. EuresisEdizioni, 1997
  4. ^ giuseppecirigliano.it - La ballata dell'amore cieco Archiviato il 9 settembre 2012 in Internet Archive.
  5. ^ Testo originale della poesia, su paradis-des-albatros.fr.

BibliografiaModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica