La duchessa di Leyra

romanzo scritto da Giovanni Verga
La duchessa di Leyra
AutoreGiovanni Verga
1ª ed. originale1922
Genereromanzo
Sottogenereincompiuto
Lingua originaleitaliano
ProtagonistiIsabella Motta-Trao
SerieCiclo dei vinti
Preceduto daMastro-don Gesualdo

La duchessa di Leyra è un romanzo incompleto di Giovanni Verga, del quale ci rimangono il primo capitolo ed un brevissimo frammento del secondo pubblicati entrambi nel 1922 a cura di Federico De Roberto, amico dell'autore e ultimo grande rappresentante della corrente del Verismo.

Il Ciclo dei VintiModifica

Il romanzo doveva essere il terzo di una serie di cinque romanzi denominata il Ciclo dei Vinti; nelle carte di Verga compare anche il titolo alternativo di La duchessa delle Gargantas. Le ragioni che portarono Verga a non completare la stesura del ciclo furono con tutta probabilità editoriali, letterarie e stilistiche. Innanzi tutto negli anni Novanta si era affermata una generazione di giovani autori, tra i quali Antonio Fogazzaro e Gabriele D'Annunzio, che incontrava il favore del pubblico con storie assai distanti dal mondo verista; l'artificio della regressione, poi, con cui Verga era riuscito a descrivere oggettivamente il mondo umile de I Malavoglia e quello borghese di Mastro-don Gesualdo, era inadatto a rappresentare la psicologia complessa delle classi aristocratiche. Inoltre la critica recente ha ipotizzato che Verga, trovandosi davanti a figure come l'onorevole Scipioni e l'uomo di lusso, dovesse andare a trattare di persone appartenenti a classi sociali elevate. Il rischio maggiore era quello di mettersi in cattiva luce rischiando ripercussioni da parte della critica a lui contemporanea.

La protagonistaModifica

La duchessa che dà il titolo al romanzo è Isabella Motta-Trao, figlia di Gesualdo Motta e di Bianca Trao, che ha sposato il duca di Leyra dopo una contrastata relazione, nel corso di Mastro-don Gesualdo, col cugino Corrado La Gurna.

Altri progettiModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura