La ragazza del metrò

film del 1988 diretto da Romano Scandariato
La ragazza del metrò
La ragazza del metrò.png
Roberta Olivieri e Nino D'Angelo in una scena del film
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1988
Durata94 min
Generecommedia, musicale, sentimentale
RegiaRomano Scandariato
SoggettoFrancesco Calabrese, Romano Scandariato
SceneggiaturaFrancesco Calabrese, Romano Scandariato, Nino D'Angelo
ProduttoreFrancesco Calabrese
Casa di produzioneMindy Film
Distribuzione in italianoTitanus
FotografiaEugenio Bentivoglio
MontaggioCarlo Broglio
MusicheNino D'Angelo, Franco Percopo, Carmine Tortora, P.Colonna
Interpreti e personaggi

La ragazza del metrò è un film del 1988 diretto da Romano Scandariato.

TramaModifica

Nino si trasferisce da Napoli a Roma per cercare fortuna nel mondo della musica. Ospite dall'amico Donato, impenitente playboy, il ragazzo trova lavoro in un locale molto esclusivo. Tornando a casa in metropolitana, dopo una delle sue serate di pianobar, incontra Valentina e ne rimane subito affascinato. I due si perdono di vista ma per un caso fortuito si rincontrano dopo qualche giorno. Cominciano a frequentarsi e a piacersi: è l'inizio di un'intensa storia d'amore. Ma qualcosa all'orizzonte è destinata a turbare la felicità della coppia. Valentina nasconde al compagno di appartenere a una famiglia molto ricca, per paura che ciò possa creare incomprensioni. Come se non bastasse, il perfido Andrea, ex fidanzato della ragazza, non perde occasione per far venire a galla la realtà e ostacolare in ogni modo l'amore tra i due; infatti Nino viene chiamato a sua insaputa, a casa dell'amata il giorno del suo compleanno, e scopre che lei le ha mentito, e che quindi è ricca, e la lascia.

Così Andrea, pur di ottenere il risultato desiderato non manca di utilizzare sistemi poco leciti, fa infatti violentare e rapire la ragazza e la fa imprigionare in una vecchia casetta che in realtà era un casolare. In quel momento Nino viene aggredito dagli scagnozzi di Andrea, che lo accusano di essere un poco di buono e che Valentina non lo ha mai amato, e molto stupidamente rivelano al ragazzo che Valentina è stata rapita. Nino con gran spavento va a liberare con l'amico Donato, la giovane, facendo arrestare gli scagnozzi che la tenevano imprigionata, Andrea sapendo che Valentina è stata liberata, va a casa di quest'ultima, credendo di averla fatta franca le porta dei fiori, ma, vedendo Valentina con Nino, capisce che il suo piano è andato in fumo e invano cerca di fuggire, ma sarà braccato dalla polizia, Nino e Valentina possono finalmente stare insieme e coronare il loro sogno d'amore.

Colonna SonoraModifica

Nel film sono presenti le seguenti canzoni:

Collegamenti cinemaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema