Apri il menu principale

La scomparsa di Aquila Nera

racconto scritto da O. Henry
La scomparsa di Aquila Nera
Titolo originaleThe Passing of Black Eagle
AutoreO. Henry
1ª ed. originale1909
Genereracconto
Lingua originaleinglese

La scomparsa di Aquila Nera è un racconto dello scrittore statunitense O. Henry.

TramaModifica

Stati Uniti d'America, ultimi anni della Conquista del West. Chicken Ruggles è un bonario vagabondo che gira di saloon in saloon allo scopo di scroccare qualche bevanda gratis. Cacciato dall'ennesimo locale, incappa in una notte piovosa e si rifugia su un treno bestiame, che nella notte, mentre lui dorme, viaggia. Al mattino Ruggles si ritrova in mezzo alla prateria, a metà strada tra San Antonio e Laredo. Incamminatosi a piedi si imbatte prima in un cavallo selvaggio, che riesce a domare, poi in una baracca abbandonata, dove trova abiti, cibi, e armi. Vestitosi come un bandolero, raggiunge il campo del bandito Bud King, dove pur di farsi accettare si presenta come Capitan Montresor, venendo poi denominato Aquila Nera per le spacconate che racconta. Bud King, incredibilmente, decide di affidargli il comando della banda, che attua incruente scorrerie nei paesini tra il Texas e il Messico. Ma alla prima occasione Ruggles, imbattutosi in un carro bestiame come quello sul quale era partito, si libera di armi e vestiti e vi si nasconde, riprendendo così il suo onesto vagabondare tra lo stupore degli uomini di Bud King.

EdizioniModifica

Alarico Gattia, Kirgiali e altre novelle, Libreria della Famiglia, 1978

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura