Apri il menu principale

Lamberto Maffei

medico e scienziato italiano
Lamberto Maffei con Giorgio Napolitano, maggio 2014

Lamberto Maffei (Grosseto, 21 marzo 1936) è un medico e scienziato italiano. Direttore dell'Istituto di Neuroscienze del CNR dal 1980 al 2008, dal 2009 al 2015 è stato presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei, e, dall'agosto 2015, vicepresidente della stessa.

Indice

Biografia e carrieraModifica

Laureatosi[1] con lode in medicina all'Università di Pisa nel 1961, allievo del Collegio Medico-Giuridico della Scuola Normale Superiore (attuale Scuola Superiore Sant'Anna), ha presto intrapreso la ricerca in neurofisiologia presso il CNR di Pisa, sotto la guida di Giuseppe Moruzzi, fino a diventare, nel 1980, direttore dell'Istituto di Neurofisiologia, che, dal 2001, ha assunto il nome di Dipartimento di Neuroscienze.

Dal 1988 al 2008 ha insegnato Neurobiologia presso la Scuola Normale, dirigendo anche il locale laboratorio. Ha svolto attività di ricerca e di insegnamento anche presso numerose università straniere, fra le quali la Eberhard-Karls-Universität Tübingen, la Cambridge University, il Massachusetts Institute of Technology, il Collège de France e l'Oxford University.

Oltre ad aver ricevuto molti premi e riconoscimenti, nazionali ed internazionali, il 10 giugno 2009 è stato eletto presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei, nomina approvata il 29 luglio dello stesso anno dal ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi. È membro, inoltre, dell'Accademia Europea e dell'American Academy of Arts and Sciences[2].

Le sue ricerche sono state principalmente indirizzate verso lo studio del sistema nervoso centrale, con particolare attenzione al sistema visivo dei mammiferi e dell'uomo, utilizzando innovative tecniche sperimentali e nuovi approcci teorici multidisciplinari, attingendo, fra le altre discipline, all'elettrofisiologia, alla psicofisica e alla biologia molecolare.

Tra i suoi risultati più significativi[3], si possono citare l'introduzione e l'uso di metodi elettrofisiologici per la diagnosi precoce delle patologie del sistema nervoso, la registrazione dell'attività elettrica prenatale, il ruolo delle neurotrofine nella plasticità e nello sviluppo del sistema nervoso. In ultimo, ha pure sperimentato nuovi metodi per riattivare la plasticità nel sistema nervoso nell'adulto e nell'anziano. Tali metodi hanno anche trovato proficua applicazione nella prevenzione della demenza senile e dell'Alzheimer (Train the Brain Program, in collaborazione fra CNR, Università e varie cliniche ospedaliere di Pisa).

Nel complesso della sua carriera, svolta interamente in Italia, ha prodotto oltre 280 pubblicazioni scientifiche, la maggior parte delle quali accolte dalle più importanti riviste specialistiche internazionali del settore.

È considerato uno dei maggiori esperti internazionali di neuroscienze.

Nei suoi due ultimi saggi di filosofia delle neuroscienze Elogio della lentezza (2014) e Elogio della ribellione (2016), pur con un fluente linguaggio divulgativo, ha saputo esporre con acume e perspicacia le sue riflessioni critiche sulla cultura odierna, la società contemporanea e le sue fenomenologie.

Alcune pubblicazioniModifica

  • La visione. Dalla neurofisiologia alla psicologia (con Luciano Mecacci), Mondadori EST, Milano, 1979.
  • Arte e cervello (con Adriana Fiorentini), Zanichelli, Bologna, 1995 (Nuova ed. Zanichelli, 2008. ISBN 9788808068156).
  • Il mondo del cervello, Laterza, Roma-Bari, 1998 (Nuova ed. Laterza, 2004. ISBN 88-420-5559-X).
  • Fisiopatologia del sistema visivo (con Adriana Fiorentini), Primula Edizioni, San Giuliano Terme (Pisa), 2001. ISBN 88-87344-33-7.
  • La libertà di essere diversi. Natura e cultura alla prova delle neuroscienze, Società editrice Il mulino, Bologna, 2011 (Nuova ed. Il mulino, 2013. ISBN 978-88-15-24788-9).
  • Elogio della lentezza, Società editrice Il mulino, Bologna, 2014. ISBN 978-88-15-25275-3.
  • Elogio della ribellione, Società editrice Il mulino, Bologna, 2016. ISBN 9788815263407.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 9 aprile 2014[4]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN250218656 · ISNI (EN0000 0003 7083 3190 · SBN IT\ICCU\VEAV\034425 · LCCN (ENn81082329
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie