Lartetotherium

genere di animale della famiglia Rhinocerotidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lartetotherium
Lartetotherium sansaniense.JPG
Cranio di Lartetotherium sansaniense
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Eutheria
Ordine Perissodactyla
Famiglia Rhinocerotidae
Genere Lartetotherium

Il lartetoterio (gen. Lartetotherium) è un rinoceronte estinto, vissuto tra il Miocene inferiore e superiore (circa 18 - 10 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa (Francia, Germania, Spagna) e in Africa.

DescrizioneModifica

Questo animale doveva avere un aspetto molto simile a quello dell'attuale rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis), in pericolo di estinzione. Lartetotherium possedeva però un corpo più snello e zampe più lunghe da corridore. La testa era dotata di un singolo corno allungato. La dentatura era brachidonte, ovvero i molari e i premolari erano a corona bassa.

 
Cranio di Lartetotherium sansaniense

ClassificazioneModifica

Lartetotherium fu uno dei primi rinoceronti di tipo odierno (Rhinocerotini) ad apparire in Europa. Era strettamente imparentato con l'attuale rinoceronte di Sumatra, e per lungo tempo venne considerato appartenere allo stesso genere (Dicerorhinus). La specie più antica, Lartetotherium tagicum, si sviluppò nel Miocene inferiore e si espanse in Europa, dove diede origine alla specie più nota, L. sansaniense, molto diffusa nel corso del Miocene medio e superiore. A Lartetotherium è stata attribuita anche la specie africana L. leakeyi, ora considerata un genere a sé stante, Rusingaceros.

PaleobiologiaModifica

Dotato di lunghe zampe e di un corpo relativamente snello, Lartetotherium era probabilmente un rinoceronte piuttosto agile e veloce. La dentatura brachidonte indica che questo animale era adatto a brucare principalmente foglie di piante tenere, e una minore proporzione di arbusti legnosi rispetto ad altri rinoceronti coevi come gli acerateriini (ad esempio Aceratherium).

BibliografiaModifica

  • Ginsburg L., Les faunes de Mammifères burdigaliens et vindoboniens des bassins de la Loire et de la Garonne, Mém. BRGM 78 (1974) 153–167.
  • Schoch, Robert M. , Horns, tusks, and flippers, the evolution of hoofed mammals. 2002. Johns Hopkins University Press.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica