Apri il menu principale
Le furberie di Scapino
Commedia in tre atti
FourberiesScapin.jpg
Frontespizio della prima edizione
AutoreMolière
Titolo originaleLes fourberies de Scapin
Lingua originaleFrancese
Generecommedia
AmbientazioneA Napoli
Composto nel1671
Prima assoluta24 maggio 1671
Théâtre de la Salle du Palais-Royal di Parigi
Personaggi
  • Argante, padre di Ottavio e di Zerbinetta
  • Geronte, padre di Leandro e di Giacinta
  • Ottavio, figlio di Argante e innamorato di Giacinta
  • Leandro, figlio di Geronte e innamorato di Zerbinetta
  • Zerbinetta, creduta zingara e riconosciuta come figlia di Argante, innamorata di Leandro
  • Giacinta, figlia di Geronte e innamorata di Ottavio
  • Scapino, scaltro servo di Leandro
  • Silvestro, servo di Ottavio
  • Nerina, nutrice di Giacinta
  • Carlo, nullafacente
  • Due uomini
 

Le furberie di Scapino è una commedia in tre atti scritta nel 1671 dal commediografo francese Molière.

Ispirata al Phormio di Terenzio, fu rappresentata la prima volta al Théâtre de la Salle du Palais-Royal di Parigi il 24 maggio 1671, ma ebbe scarso successo, tanto che venne replicato solo 18 volte e mai più ripreso fino alla morte dell'autore.[1]

Indice

Trama su ScapinoModifica

A Napoli i due giovani amici Leandro e Ottavio hanno due cose in comune: il servo astuto Scapino e l'amore per due ragazze: la bella e nobile Giacinta e la zingara Zerbinetta. Naturalmente i due padri Argante e Geronte si oppongono perché vogliono che i figli abbiano un matrimonio più conveniente, ma Scapino riesce a favorire i giovani, non senza ingarbugliare la faccenda, grazie a delle lettere da inviare. Così, dopo peripezie, si scopre che le due giovani amate sono parenti, figlie illegittime dei padri di Ottavio e Leandro.

Il personaggio di ScapinoModifica

Scapino è stato inventato da Molière come maschera francese della commedia dell'arte. Infatti la maschera ha molto da condividere con il cafone veneto Zanni, vecchio servo di Pantalone, e con il buffo Brighella.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN183433516 · GND (DE4332450-2 · BNF (FRcb12187074h (data)