Apri il menu principale

Lechia

genere di ragni
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la squadra polacca omonima, vedi Klub Sportowy Lechia Gdańsk.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lechia
Immagine di Lechia mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia incertae sedis
Genere Lechia
Zabka, 1985
Serie tipo
Lechia squamata
Zabka, 1985
Specie

Lechia Zabka, 1985 è un genere di ragni appartenente alla Famiglia Salticidae.

EtimologiaModifica

Lechia è il nome antico della Polonia, nazione d'origine del descrittore della specie, l'aracnologo Zabka.

CaratteristicheModifica

Il genere è stato descritto sulla base di un unico esemplare femminile, originariamente rinvenuto nei cespugli della foresta vietnamita[1].

Il cefalotorace ha colore che vira dall'arancio al marrone, con una sottile striscia gialla lungo il margine. La zona intorno al pattern oculare è nera, fatta eccezione per i due occhi mediani frontali, che sono marrone scuro. L'opistosoma è giallognolo, con macchie grigie diffuse. Le zampe sono gialle con annulazioni grigie[1].

Relazioni filogeneticheModifica

Questo esemplare descritto, secondo l'aracnologo Jerzy Prószynski, ha molte peculiarità in comune con il genere Euophrys C. L. Koch, 1834, e la stessa Euophrys minuta Prószynski, 1992, sarebbe da ascrivere al genere Lechia[1][2].

DistribuzioneModifica

L'unica specie oggi nota di questo genere è stata rinvenuta in Cina e in Vietnam[3].

TassonomiaModifica

A giugno 2011, si compone di una specie[3]:

NoteModifica

  1. ^ a b c Murphy & Murphy 2000: 293
  2. ^ Lechia
  3. ^ a b The world spider catalog, Salticidae
  4. ^ Specie tipo del genere.

BibliografiaModifica

  • Zabka, 1985 - Systematic and zoogeographic study on the family Salticidae (Araneae) from Viet-Nam. Annales Zoologici, Warszawa, vol.39, p. 197-485.
  • Frances e John Murphy, An Introduction to the Spiders of South East Asia, Kuala Lumpur, Malaysian Nature Society, 2000.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi