Apri il menu principale
Legio III
Pompejus modified.png
Busto di Gneo Pompeo Magno
Descrizione generale
Attivadal 55 a.C. al 48 a.C.?;
potrebbe essere confluita nella legio III di Cesare o nella XV.[1][2]
Tipolegione consolare
Battaglie/guerreConquista della Gallia (54-50 a.C.);
Guerra civile (49-44 a.C.)
Battaglia di Alesia;
battaglia di Farsalo (48 a.C.).
Comandanti
Degni di notaGneo Pompeo Magno
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La legio III era un'unità militare romana di epoca tardo repubblicana, che fu arruolata da Gneo Pompeo Magno nell'anno di consolato del 55 a.C.[1] Potrebbe essere stata inviata in Gallia al suocero e triumviro, Gaio Giulio Cesare, nel 54 a.C. Qui combatté nella difficile e determinante battaglia di Alesia che portò alla sottomissione definitiva delle genti galliche.[3] Cesare potrebbe aver modificato il suo "numero III", attribuendole il XV, avendo lo stesso a disposizione tutte le legioni dalla VII alla XIV. Nell'inverno del 52-51 a.C. i suoi hiberna furono posti nei pressi di Vesontio al comando di Tito Labieno.[4]

Nel 50 a.C. fu restituita a Pompeo, insieme alla legio I (anch'essa rinominata legio VI[5]), per preparare una campagna contro i Parti.[6][7][8] Con lo scoppio della guerra civile nel 49 a.C. fu trasferita da Brindisi in Macedonia.[9] Qui prese parte alla successiva battaglia di Farsalo del 48 a.C., all'ala sinistra, dove Pompeo fu sconfitto,[10][11] in seguito alla quale potrebbe essere stata sciolta.

Vi sarebbe anche la possibilità che dopo Farsalo sia stata riformata o come legio III consolare di Cesare, oppure sia tornata all'antico numerale di legio XV.[2][6]

NoteModifica

  1. ^ a b J.R.Gonzalez, Historia del las legiones romanas, p.140.
  2. ^ a b L.Keppie, The making of the roman army, pp.199 e 206.
  3. ^ Cesare, De bello Gallico, VII, 68-89.
  4. ^ Cesare, De bello Gallico, VII, 90.
  5. ^ J.Carcopino, Julio César. El proceso Clásico de la concentracion del poder, Madrid 1974, pp.339-340.
  6. ^ a b Parker, Roman legions, p.68.
  7. ^ Dodge, Caesar, pp.276-277.
  8. ^ E.Ritterling, voce Legio, in Realencyclopädie of Klassischen Altertumswissenschaft, Stuttgart 1924-1925, p.1518.
  9. ^ Cesare, De Bello civili, I, 27.
  10. ^ Cesare, De Bello civili, III, 88.
  11. ^ L.Keppie, The making of the roman army, p.109.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
  • Appiano, Guerra civile, II.
  • Cesare, De Bello civili, III.
  • Cesare, De Bello gallico, V-VIII.
Fonti storiografiche moderne
  • J.Carcopino, Julio César. El proceso Clásico de la concentracion del poder, Madrid 1974.
  • T.A. Dodge, Caesar, New York, 1989-1997, ISBN 0-306-80787-4.
  • J.R.Gonzalez, Historia del las legiones romanas, Madrid 2003.
  • L.Keppie, The making of the roman army, Oklahoma 1998.
  • E.Ritterling, voce Legio, in Realencyclopädie of Klassischen Altertumswissenschaft, Stuttgart 1924-1925.