Apri il menu principale

La Lettera degli Apostoli (latino: Epistula Apostolorum) è un apocrifo del Nuovo Testamento scritto in greco antico tra il 130 e il 170 e pervenuto in copto ed etiopico. A lungo ritenuta persa, è stata pubblicata nel 1919.

Dopo un resoconto riassuntivo del ministero di Gesù contiene istruzioni catechetiche del Signore risorto agli apostoli, con tono prevalentemente anti-gnostico.

StoriaModifica

Secondo lo studioso Wilhelm Schneemelcher[1], il testo dell’Epistula Apostolorum fu pubblicato nel 1919 da Carl Schmidt (1868-1938), studioso tedesco della civiltà copta, in collaborazione con l'egittologo francese Pierre Lacau e con Isaak Wajnberg, pubblicò in un libro dal titolo Gespräche Jesu mit seinen Jüngern nach der Auferstehung. Ein Katholisch-Apostolisches Sendschreiben des 2. Jahrhunderts ("Conversazioni di Gesù con i suoi discepoli dopo la risurrezione. Una lettera cattolica-apostolica del II secolo"). Il testo inizierebbe nella forma di una lettera, ma nel suo sviluppo principale si presenterebbe come un dialogo tra Gesù Cristo e i discepoli, con elementi narrativi parzialmente analoghi a quelli della rivelazione evangelica[1].

La figura di Giuda lo ZelotaModifica

Il testo di Schmidt et al. menziona più volte un certo Judas Zelotes[2], del quale non esistono riferimenti nei canone del Nuovo Testamento.

In base alla somiglianza del nome, è stata proposta l'identificazione[senza fonte] con Giuda Taddeo oppure con Simone il Cananeo, soprannominato lo Zelota, secondo il dettato del Vangelo di Luca.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Wilhelm Schneemelcher, New Testament Apocrypha, su archive.org, traduzione di Rev. McL. Wilson, I (Vangeli e scritti correlati), Westminster John Knox Press (James Clark & Co), 2003 (ristampa), p. 227, ISBN 0-664-22721-X.
  2. ^ (DE) Schmidt, Carl, Lacau, Pierre e Wajnberg, Isaak, Gespräche Jesu mit seinen Jüngern nach der Auferstehung; ein katholisch-apostolisches Sendschreiben des 2. Jahrhunderts, Lipsia, 1919.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi