Apri il menu principale

Liceo ginnasio statale Bartolomeo Zucchi

liceo classico di Monza in provincia di Monza-Brianza (Italia) [codice scuola: MIPC020003]
Liceo classico e musicale statale "Bartolomeo Zucchi"
Liceo Zucchi, Monza.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàMonza
IndirizzoPiazza Trento e Trieste 6
Organizzazione
Tipo
  • Liceo classico
  • Liceo musicale
OrdinamentoPubblico
Fondazione1871
PresideRosalia Caterina Natalizi Baldi
Studenti742 (2017) [1][2]
Dati generali
TestataIl Bartolomeo
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 45°35′01.11″N 9°16′22.05″E / 45.583642°N 9.272791°E45.583642; 9.272791

Il liceo ginnasio statale "Bartolomeo Zucchi" è un liceo classico e musicale statale della città di Monza, intitolato a Bartolomeo Zucchi, letterato e storico monzese. Il liceo è ospitato dal 1937 nello storico edificio dell'ex seminario, realizzazione neoclassica del Gilardoni e del Moraglia, affacciato alla Piazza Trento e Trieste. Fra gli allievi dello storico seminario vi fu il futuro Papa Pio XI, Achille Ratti: vi è una stele in suo onore su una delle scalinate interne.

Cenni storiciModifica

Fondato dai Gesuiti[3] in esecuzione di un lascito di Bartolomeo Zucchi (1630), letterato e religioso monzese[4] per ragazzi economicamente svantaggiati, assunse subito la funzione di scuola per giovani poveri e meritevoli, funzione che mantenne fino al 1871, quando divenne il Civico Ginnasio Pareggiato a Ginnasi regi, per volontà stessa di Vittorio Emanuele II di Savoia, re d'Italia. La struttura fino agli inizi del XX secolo ha svolto esclusivamente la funzione di seminario arcivescovile cittadino. Dopo la parentesi dei due conflitti mondiali - in occasione dei quali ha ospitato feriti e rifugiati - dal 1937 il Liceo Ginnasio Zucchi ha assunto l'aspetto che riveste tuttora. Da pochi anni il liceo ospita il liceo musicale. È dotato anche di una biblioteca di circa 12000 libri.

 
Il cortile interno del liceo, innevato il 28 novembre 2008.

ArchitetturaModifica

L'edificio originario era probabilmente costituito da un'antica chiesa di stile romanico (ancora oggi è possibile vedere nel loggiato le colonne originali), in seguito integrata al resto del complesso agli inizi del XIV secolo, quando l'edificio venne convertito in convento maschile. Durante recenti scavi sono state scoperte le antiche fondamenta, che testimoniano il passato uso religioso della struttura.
Agli inizi del XVIII secolo l'edificio comincia ad assumere l'aspetto attuale, con il caratteristico loggiato a doppia arcata. Fino alla fine del XIX secolo, convertito in seminario arcivescovile, ha mantenuto un muro di cinta che oggi è del tutto scomparso.
L'edificio assume definitivamente l'aspetto attuale solo dopo la seconda metà del Novecento: esso è caratterizzato da un vasto cortile con, al centro, la ricostruzione della fontana andata distrutta durante la Seconda guerra mondiale e da un loggiato a colonne doriche. La facciata, al contrario, si è mantenuta quasi del tutto invariata a partire dal XIX secolo ed è in stile neoclassico. Nel cortile sono oggi conservati alcuni reperti di epoca medievale, tra cui una vasca in pietra.

"Il Bartolomeo"Modifica

"Il Bartolomeo" è il giornale dell'istituto scolastico. Fondato e distribuito in formato cartaceo per la prima volta nell'anno 1991 col nome di "Bartolomeo".[5]

NoteModifica

  1. ^ Numero studenti iscritti ultimi tre anni, su liceozucchi.it. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  2. ^ Statistiche, su liceozucchi.it. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  3. ^ Il patrimonio lasciato dallo Zucchi era stato giudicato insufficiente al mantenimento della scuola, pertanto i gesuiti tardarono quasi un secolo per operare l'effettiva apertura della scuola Lombardia Beni culturali
  4. ^ Lo Zucchi aveva a sua volta già avviato una scuola di dottrina cristiana
  5. ^ "Il Bartolomeo", su LiceoZucchi.it. URL consultato l'8 luglio 2018.

Collegamenti esterniModifica