Lorenzo Guadagnini

Lorenzo Guadagnini (Cerignale, 1685Piacenza, 15 giugno 1746) è stato un liutaio italiano, considerato il capostipite della celebre famiglia di liutai attiva nell'Italia Settentrionale dal 1740 fino alla metà del XX secolo[1].

Lorenzo Guadagnini

BiografiaModifica

Figlio di Tomasino e Agostina, le prime informazioni riguardanti Lorenzo si hanno quando compì cinquantanni e si trasferì a Piacenza.[2]

Durante la sua carriera lavorativa si occupò esclusivamente di agli strumenti ad arco, e sono conservati attualmente dodici violini e una viola, tutti risalenti agli anni 1740-1745.[2]

Potrebbe essere stato un allievo di Antonio Stradivari e quindi aver soggiornato a Cremona, anche se evidenzia una influenza stilistica più di G. Guarnieri, per la caratteristica forma a punta data alla "effe".[2]

I suoi strumenti si distinsero soprattutto per la colorazione rossa viva, per la voce sonora e la stabilità dell'intonazione.[2]

La sua opera preseguì grazie alla mano sapiente e brillante del figlio Giovanni Battista Guadagnini, con cui la casa raggiunse il suo massimo splendore.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Guadagnini, in le muse, V, Novara, De Agostini, 1965, p. 413-414.
  2. ^ a b c d Guadagnini, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 30 ottobre 2021.

BibliografiaModifica

  • (EN) E. N. Doring , Chicago 1949;, The Guadagnini family of violin makers, Chicago, 1949.
  • (DE) K. Jalovec , Prag 1957, Italienische Geigenbauer, Praga, 1957.
  • U. Azzolina , Milano [1964], pp. 37, Liuteria italiana dell'Ottocento e del Novecento, Milano, 1964, p. 37.
  • G. Fiori, Documenti biografici di artisti e personaggi piacentini dal '600 all'800 nell'Archivio vescovile di Piacenza , 1994, pp. 67-111, in Strenna piacentina, Piacenza, 1994, pp. 67-111.
  • W. Henley, Universal Dictionary of violin and bow makers, II, Brighton, 1960, pp. 243-245.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica