Apri il menu principale

Lorenzo Maria Balconi

vescovo cattolico, missionario e scrittore italiano
Lorenzo Maria Balconi, P.I.M.E.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
 
Nato4 agosto 1878 a Milano
Ordinato presbitero22 dicembre 1900 dal cardinale Andrea Carlo Ferrari
Consacrato vescovo17 maggio 1928 dal vescovo Flaminio Belotti, P.I.M.E.
Elevato arcivescovo3 agosto 1939
Deceduto10 aprile 1969 a Milano
 

Lorenzo Maria Balconi (Milano, 4 agosto 1878Milano, 10 aprile 1969) è stato un arcivescovo cattolico, missionario e scrittore italiano.

BiografiaModifica

Nato il 4 agosto 1878 a Milano, appartiene alla famiglia Balconi di Vimercate.

Entra nel 1898, a soli 20 anni, nell'Istituto Missioni Estere di Milano e due anni dopo, il 22 dicembre 1900, il cardinale Andrea Carlo Ferrari, arcivescovo di Milano, lo ordina sacerdote.

Nel 1901, a 23 anni, parte per la Cina dove svolge un'intensa attività missionaria partendo da Nanyang, nell'Henan meridionale. Lì non svolge solo un'opera umanitaria ed evangelizzatrice: al suo ritorno in Patria porterà anche reperti archeologici, tuttora conservati nel Museo interno del P.I.M.E. di Milano, in particolar modo monete d'oro dell'antica epoca Imperiale.

EpiscopatoModifica

Il 28 febbraio 1928 papa Pio XI lo nomina vicario apostolico di Hanchung e vescovo titolare di Milasa. Il 17 maggio successivo riceve l'ordinazione episcopale dalle mani del vescovo Flaminio Belotti.

Nel marzo 1934 rinuncia all'ufficio di vicario apostolico e assume, con una cerimonia ad Hong Kong, l'incarico di superiore generale del P.I.M.E. su forte volontà di papa Pio XI.

Il 3 agosto 1939 papa Pio XII lo nomina arcivescovo titolare di Gerapoli di Frigia.

Il suo ritorno in Italia lo vede impegnato nel coordinamento delle Missioni Estere e riceve la responsabilità del processo di fondazione delle Missionarie dell'Immacolata. Nei restanti anni della sua vita segue con interesse particolare le attività della Congregazione. Muore a Milano il 10 aprile 1969.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88784192 · ISNI (EN0000 0001 0922 8894 · WorldCat Identities (EN88784192