Los Lobos

gruppo musicale statunitense
Los Lobos
Los Lobos at the White House.jpg
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereRock latino
Country
Folk
Rhythm and blues
Blues
Periodo di attività musicale1973 – in attività
Album pubblicati23
Studio15
Live2
Raccolte6
Sito ufficiale

Los Lobos sono un gruppo musicale chicano statunitense di musica rock, fortemente influenzati da country, folk, R&B e Blues formatosi a Los Angeles nel 1973. Sono soprattutto conosciuti per il rifacimento de La Bamba, colonna sonora dell'omonimo film, scritta dallo scomparso cantante Ritchie Valens, a cui il film è dedicato.[1]

StoriaModifica

Fondati nel 1974, Los Lobos esordirono con due album acustici autoprodotti (Just Another Band From East L.A. e Si se puede!) e due 45 giri prima di realizzare ...And a Time to Dance (1983), apprezzato mini LP prodotto da T-Bone Burnett e Steve Berlin che fonde musica tradizionale messicana e nortena, zydeco, country, R&B e rock 'n' roll.[2] Dopo aver ottenuto altri consensi positivi con How Will the Wolf Survive? (1984), album premiato con un Grammy Award,[2] Los Lobos pubblicarono il singolo La Bamba, brano cardine dell'omonimo film che contribuì a renderli famosi in tutto il mondo. Nello stesso periodo parteciparono a due brani di Paul Simon (All Around the World da Graceland) e di John Lee Hooker (Think twice before you go da The Healer).[2] Il successo critico di Los Lobos proseguì nei seguenti The Neighborhood (1990) e Kiko (1992), che si avvalgono entrambi della collaborazione di Mitchell Froom.[3] Il seguente Just Another Greeting From East L.A. : A Holiday Collection (1993) raccoglie perlopiù materiale tratto da un concerto per raccogliere fondi in seguito ai disordini razziali di Los Angeles del 1992 mentre Papa's Dream (1995) è un album per bambini e collaborazione con il poeta e cantante Lalo Guerrero.[3] Intanto David Hidalgo e Louie Pérez avviarono il progetto parallelo sperimentale dei Latin Playboys. Gli album successivi, ovvero Colossal Head (1996) e This Time (1999) proseguono gli sperimentalismi della band.[3] Apparvero anche in un episodio del cartone animato Mucha Lucha!. Proprio di questo gruppo è la sigla della serie televisiva della Disney Manny tuttofare.

FormazioneModifica

DiscografiaModifica

AlbumModifica

CompilationModifica

NoteModifica

  1. ^ Alessandro Bolli, 1998.
  2. ^ a b c Cesare Rizzi, Enciclopedia Rock anni '80 (quarto volume), Arcana, 2002, "Los Lobos".
  3. ^ a b c Cesare Rizzi, Enciclopedia Rock anni '90 (quinto volume), Arcana, 2002, "Los Lobos".

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN153348417 · ISNI (EN0000 0001 2369 5309 · LCCN (ENn91017885 · GND (DE10284896-8 · BNF (FRcb13904657q (data) · BNE (ESXX216189 (data) · NLA (EN35954538 · WorldCat Identities (ENlccn-n91017885
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica