Apri il menu principale
Lutte ouvriére
Lutte-ouvrière.png
LeaderSegreteria collettiva (Comitato centrale), portavoce ufficiale Nathalie Arthaud
StatoFrancia Francia
SedeF-75865 Parigi
Fondazione1939
IdeologiaComunismo[1][2]
Trotskismo[3]
Femminismo socialista[4]
CollocazioneEstrema sinistra[5]
Affiliazione internazionaleUnione Comunista Internazionalista
Sito web

Lotta operaia (in francese, Lutte ouvrière, LO) è un partito politico francese di sinistra radicale (trotzkismo). La sua leader è stata a lungo Arlette Laguiller, diverse volte candidata alla presidenza della Repubblica.

Indice

StoriaModifica

Dopo diversi cambi di forma, Lotta Operaia assume tale nome in modo definitivo dal 1968.

Il partito si presenta a tutte le elezioni presidenziali francesi a partire dal 1974, candidando la propria segretaria Arlette Laguiller per sei volte consecutive: l'ultima delle quali nel 2007: il risultato migliore fu quello del 2002, quando LO ottenne il 5,7%.

In occasione delle Elezioni europee del 1999 Lotta Operaia formò un cartello elettorale assieme alla LCR, che ottenne il 5,18%: LO riuscì così ad eleggere a Strasburgo tre suoi esponenti: Arlette Laguiller, Chantal Cauquil e Armonia Bordes; due furono gli eletti della LCR. L'alleanza fra le due formazioni si ripropose anche al successivo voto europeo del 2004, ma il risultato del 2,6% non permise il superamento dello sbarramento elettorale.

LO non è mai riuscita invece ad eleggere alcun suo membro al Parlamento Francese a causa del sistema elettorale maggioritario a doppio turno.

Alle elezioni presidenziali del 2012 il partito appoggia Nathalie Arthaud alla presidenza della Repubblica, la candidata ottiene lo 0,5% dei voti e si posiziona al penultimo posto tra i vari candidati. Anche alle elezioni presidenziali del 2017 Lotta Operaia appoggia la Arthaud, la quale otterrà lo 0,64%.

NoteModifica

  1. ^ Le communisme, su lutte-ouvriere.org..
  2. ^ Renverser le capitalisme, su lutte-ouvriere.org..
  3. ^ (EN) European Social Survey. Appendix A3 political parties (PDF), su europeansocialsurvey.org, 2016. URL consultato il 28 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2018)..
  4. ^ LO et les combats féministes, su lutte-ouvriere.org..
  5. ^ (FR) Lutte ouvrière, su Franceinfo. URL consultato il 28 maggio 2017..

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica