Apri il menu principale

Louis Delanois

maestro carpentiere in posti a sedere francese

BiografiaModifica

 
Louis Delanois - Poltrona, 1770 circa, MET
 
Louis Delanois - Bergère MET

Era un ebanista parigino, specializzato nella costruzione di sedie di poltrone e di bergère, in stile Luigi XV e in stile Luigi XVI, realizzate in legno intagliato e dorato a foglia d'oro zecchino. Diventò maestro ebanista nel 1761 ed ebbe tra i suoi clienti Madame du Barry, Carlo fratello del re di Francia e allora conte d'Artois, Luigi Filippo I di Borbone-Orléans duca di Chartres, Luigi Giuseppe di Borbone-Condé principe di Condé, il re di Polonia Stanisław Poniatowski e John Sackville III duca di Dorset.

La sua prima bottega era in rue Bourbon-Villeneuve, ma il successo gli permise di trasferirla nella più prestigiosa rue des Petits-Carreaux. L'ebanista Georges Jacob per tre anni ha lavorato come operaio nella bottega di Delanois.

Insieme allo scultore Joseph Nicolas Guichard e a un doratore che conosciamo come Cagny, a partire dal 1769 Delanois fornì arredi al Castello di Versailles: un letto scolpito con fiori, un canapé, 3 poltrone e 13 sedie per un salotto, 31 sedie per una camera da pranzo e, inoltre, altre 19 sedie per la galleria, impreziosite da sculture simboliche della Guerra, della Caccia, della Pesca, dell'Amore.

Rielaborava col passere del tempo il suo stile, adattandolo all'evolversi della moda: da rococò, con morbide volute, lo trasformò in neoclassico, con piccole ghirlande di fiori e con medaglioni, e con un innesto cubico delle gambe che scolpiva a forma di colonnina scanalata. Si firmava "L Delanois": l'iniziale era separata dal cognome, non con un punto, ma con un piccolo rombo.

Nel suo libro di conti[1] egli annotava scrupolosamente le sue realizzazioni. Per speculazioni errate, nel commercio del legname, arrivò al fallimento nel 1789. Dimenticato allo scoppio della Rivoluzione francese, morì in povertà.

Opere nei museiModifica

  • Duchesse brisée, Louvre.
  • Poltrona à la reine, "Musée des Arts Décoratifs" del Louvre.
  • Poltrona à la reine, à châssis e poltroncine, fine stile Luigi XV, Metropolitan Museum.
  • Poltrona stile Luigi XV à la reine, Gruuthuse a Bruges.

NoteModifica

  1. ^ Il suo Livre des Ouvrages et des Fournitures de Meubles faits à crédit è depositato negli Archives de la Seine. Ha realizzato anche mobili curiosi, come una sedia en éventail e una bergère che poteva essere trasformata in letto per malato.

BibliografiaModifica

  • (FR) Jean Nicolay, L'art et la maniere des maitres ebenistes francais au XVIIIème siecles, Paris, Guy Le Prat, 1956, SBN IT\ICCU\VEA\0093968.
  • (FR) François De Salverte, Les ébénistes du 18 siècle: leurs œuvres et leurs marques, Paris, de Nobele, 1962, SBN IT\ICCU\SBL\0657926. 5ª edizione rivista e aumentata.
  • (FR) Pierre Verlet, Une analyse des comptes de Louis Delanois éclaircit le rôle des menuisiers au XVIIIème siècle, in Connaissance des arts: revue mensuelle, 197-198, Paris, Hachette, luglio-agosto 1968, pp. 66-69, SBN IT\ICCU\VEA\0082223.
  • (FR) Pierre Kjellberg, Le mobilier français du XVIIIème siècle: dictionnaire des ébénistes et des menuisiers, Paris, Les éditions de l'amateur, 1998, SBN IT\ICCU\BVE\0216411.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN15863726 · ISNI (EN0000 0000 6685 9206 · LCCN (ENno98082712 · GND (DE129964832 · ULAN (EN500071271 · WorldCat Identities (ENno98-082712