Georges Jacob

maestro carpentiere in posti a sedere francese

Georges Jacob (Cheny, 6 luglio 1739Parigi, 5 luglio 1814) è stato un ebanista francese.

Ritratto di Georges Jacob, eseguito da Simon Julien, 1793

BiografiaModifica

Jacob nacque in Borgogna e trasferitosi a Parigi dopo la morte del padre, divenne allievo dell'ebanista Louis Delanois.[1] Jacob diventò un modello di riferimento per gli artisti e gli artigiani dello stile Luigi XVI e dello stile Impero, contribuendo alla diffusione dello stile neoclassico.[2]

Jacob applicò la sua maestria su numerosi oggetti d'arredamento, quali sedie, poltrone, letti e divani.[2]

Fra le anticipazioni stilistiche, di gusto e progettuali realizzate da Jacob si possono citare sedili con struttura tonda e braccioli a 'rampa'.[2]

Le sue creazioni si caratterizzarono per alcuni elementi decorativi, come sfingi e teste d'aquila.

Jacob arredò la casa di Jacques-Louis David, prendendo spunto dai disegni dei vasi etruschi e dell'età classica.[2]

Tra i suoi committenti vi furono Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena nella reggia di Versailles e Maria Luisa d'Asburgo-Lorena.[2]

I suoi progetti più significativi furono l'arredamento dell'imponente Palazzo delle Tuileries, quello della sala della Convenzione e del Castello di Fontainebleau.[3]

I suoi due figli, Georges e François-Honoré, proseguirono la sua attività di ebanista.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Georges Jacob - French furniture maker (nel sito dell'Encyclopædia Britannica), su britannica.com. URL consultato il 6 settembre 2016.
  2. ^ a b c d e le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 25.
  3. ^ Georges Jacob, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 6 settembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Pierre Kjellberg, Le mobilier français du XVIIIe siècle, Parigi, Éditions de l'amateur, 1989.
  • Paul Lafond, Une famille d'ébénistes français : les Jacob, le mobilier, de Louis XV à Louis-Philippe, Parigi, Plon, 1894.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8308385 · ISNI (EN0000 0000 6680 1039 · Europeana agent/base/164133 · LCCN (ENno97017756 · GND (DE123973805 · BNF (FRcb12234480z (data) · ULAN (EN500115031 · BAV (EN495/200755 · CERL cnp01333697 · WorldCat Identities (ENlccn-no97017756