Apri il menu principale

Lucio Fulvio Gavio Numisio Petronio Emiliano

politico romano

Lucio Fulvio Gavio Numisio Petronio Emiliano (in latino Lucius Fulvius Gavius Numisius Petronius Aemilianus; fl. 206; ... – ...) fu un politico dell'Impero romano.

Di origine italica, era il padre di Fulvio Emiliano e Lucio Fulvio Gavio Numisio Emiliano. Fu eletto console del 206.

Nel 1818, durante gli scavi a Tor Marancia a Roma, fu ritrovata una fistula recante il nome di Fulvius Petronius Aemilianus,[1] che dunque aveva delle proprietà in zona. Il sepolcro di Lucius Fulvius Gavius fu trovato nel 1710 da Ficoroni nei pressi di Porta Appia,[2] e potrebbe essere identificabile col primo. Lo stesso Fulvius Petronius Aemilianus è nominato in un'altra iscrizione romana.[3] I due personaggi potrebbero coincidere ed essere identificati con l'Emiliano console del 206, o con Fulvio Emiliano console nel 244, o con Lucio Fulvio Gavio Numisio Emiliano console nel 249.[4]

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Lucrezia Spera, Il paesaggio suburbano di Roma dall'antichità al Medioevo: il comprensorio tra le vie Latina e Ardeatina dalle Mura Aureliane al III miglio, L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 1999, ISBN 8882650464, p. 36.