Ludovico Bolognini (giurista)

Ludovico Bolognini, latinizzato come Ludovicus Bologninus o de Bologninis (Bologna, 1447Firenze, 26 luglio 1508[1]), è stato un giurista e diplomatico italiano a cavallo tra XV e XVI secolo.[1]

Probabile ritratto di Ludovico Bolognini, Maestro della pala dei muratori (attr.), 1480-85 c., Pinacoteca nazionale di Bologna.[2]

BiografiaModifica

 
Consilium super Statutis Universitatis Mercatorum Bononiae, manoscritto, 1482
 
Forma arboris consanguinitatis secundum ius canonicum et civile, 1489

Ludovico Bolognini nacque nel 1447 a Bologna.[1] Completati gli studi all'università bolognese sotto gli amici Alessandro Tartagni e Andrea Barbazza, ebbe la licenza in diritto civile e poi il dottorato nel 1469, anche se già nel 1468-1469 già faceva il lettore; nel 1470 si laureò in diritto canonico.[1] Si sposò nel 1471 con Giovanna Lodovisi, che gli diede il figlio Bartolomeo nel 1475.[1]

Insegnò a Bologna fino al 1472-1473; dal 1474 passò a insegnare diritto civile all'Università di Ferrara, città dove fu anche nominato giudice delle appellazioni.[1] Tornato a Bologna, nel 1479 si fece eleggere fra gli Anziani del Comune, riprendendo l'insegnamento presso la locale università.[1] Si recò a Roma come avvocato concistoriale, più volte, in date non precisate, entro il 1490.[1]

Nel 1490 scrisse ad Agnolo Poliziano (incontrandolo l'anno successivo)[1] per ottenere dettagli sul suo studio delle Pandectae di Pisa-Firenze (parte del Corpus iuris civilis pubblicata al tempo dell'imperatore bizantino Giustiniano). Nel 1501-1502, Bolognini si trasferì a Firenze dove iniziò a scrivere un elenco di differenze tra la Vulgata e le Pandectae. Egli tuttavia non padroneggiava il latino antico e la sua conoscenza della filologia era incompleta.[3]

Nel 1503 ricoprì l'incarico di podestà.[1]

Nel 1507 papa Giulio II lo nominò senatore di Bologna, quindi gonfaloniere di Giustizia; nello stesso anno, fu inviato come ambasciatore del senato presso il re di Francia.[1]

Morì nel 1508 a Firenze.[1] Un suo probabile ritratto del 1480-1485 circa è conservato presso la Pinacoteca nazionale di Bologna.[2]

OpereModifica

ManoscrittiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l DBI.
  2. ^ a b Ritratto di Ludovico Bolognini (?), su www.pinacotecabologna.beniculturali.it. URL consultato il 21 novembre 2019.
  3. ^ (EN) Paul F. Grendler, The Universities of the Italian Renaissance, JHU Press, 2011.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49335951 · ISNI (EN0000 0001 2101 2172 · SBN IT\ICCU\BVEV\019752 · LCCN (ENn82078014 · GND (DE100938132 · BNF (FRcb12536185v (data) · BNE (ESXX5034435 (data) · BAV (EN495/52919 · CERL cnp01350173 · WorldCat Identities (ENlccn-n82078014