Luigi Genuardi

storico del diritto italiano (1882-1935)

Luigi Genuardi di Molinazzo (Palermo, 3 febbraio 1882Palermo, 28 ottobre 1935) è stato un giurista e storico del diritto italiano.[1] Si dedicò in particolare allo studio del diritto siciliano.

Terre comuni ed usi civici in Sicilia prima dell'abolizione della feudalità, 1911

BiografiaModifica

Nacque a Palermo nel 1882 da famiglia nobile dei baroni di Molinazzo; si laureò in giurisprudenza nel 1904, allievo di Enrico Besta e Luigi Siciliano Villanueva. Il suo campo di ricerca principale è stato ricostruire il diritto della sua terra natia ripercorrendo le modifiche nelle varie epoche a partire dal Medioevo. La sua produzione è stata intensa, tra ricerche e nuovi documenti d'archivio.[1]

Partecipò alle campagne militari del 1917 e 1918, ottenendo la Croce al merito di guerra.[1]

Dal 1915 intraprese la carriera accademica, insegnando storia del diritto italiano e successivamente diritto romano anche fuori Palermo, trasferendosi a Camerino. Dopo aver vinto un concorso per la cattedra di diritto all'Università degli Studi di Siena, viene poi richiamato all'Università degli Studi di Messina. [1]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d DBI.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN233978153 · ISNI (EN0000 0003 8548 6902 · SBN PALV016380 · BAV 495/111445 · GND (DE1055288740 · BNE (ESXX1283215 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-233978153