Luigi di Nassau-Saarbrücken

principe tedesco
Luigi
LodewijkNassauSaarbrücken.jpg
Principe di Nassau-Saarbrücken
Nascita Saarbrücken, 3 gennaio 1745
Morte Aschaffenburg, 2 marzo 1794
Luogo di sepoltura Chiesa di San Lorenzo, Usingen
Casa reale Casato di Nassau
Padre Guglielmo Enrico, Principe di Nassau-Saarbrücken
Madre Sofia di Erbach-Erbach
Coniugi Guglielmina di Schwarzburg-Rudolstadt
Katharina Kest, Countess of Ottweiler

Luigi, Principe di Nassau-Saarbrücken (Saarbrücken, 3 gennaio 1745Aschaffenburg, 2 marzo 1794), fu l'ultimo principe regnante di Nassau-Saarbrücken. Regnò dal 1768 fino a poco dopo lo scoppio della Rivoluzione francese.

VitaModifica

Luigi nacque a Saarbrücken come secondogenito e primo figlio maschio di Guglielmo Enrico, Principe di Nassau-Saarbrücken e di sua moglie la Principessa Sofia di Erbach-Erbach. Come suo padre, fu educato all'Università di Strasburgo. Il suo Grand Tour lo porto in Inghilterra (dal 1759 al 1766), nei Paesi Bassi, in Francia e Germania.

Il 30 ottobre 1766 Luigi sposò nel Castello di Schwarzburg Guglielmina di Schwarzburg-Rudolstadt (1751-1780). Il matrimonio si rivelò infelice, e Guglielmina ritirò nel Castello di Halberg, dove allevò il loro unico figlio Enrico Luigi (1768-1797).

Il di fuori del suo matrimonio, Luigi ebbe due figli illegittimi dalla Baronessa Amalia Federica di Dorsberg. Il 28 febbraio 1787, sposò la sua serva Katharina Kest (1757-1829). Poiché ella era una cittadina comune, Luigi la elevo a Contessa di Ottweiler. Da questo matrimonio morganatico, ebbe altri sette figli, incluso il più giovane Adolfo:

  • Luigi Alberto (1775-1784)
  • Carlo Luigi (1776-1799)
  • Luisa (1778-1855)
  • Enrico (1779-1781)
  • Luigi (1785-1796)
  • Caterina (1786-1818)
  • Adolfo (1789-1812)

Dopo la morte di suo padre nel 1768, Luigi assunse l'attività di governo di Nassau-Saarbrücken. Egli proseguì in gran parte le politiche economiche di suo padre, ma fu sempre più soggetto a vincoli finanziari, tanto che dovette ipotecare la signoria di Jugenheim al principato di Nassau-Usingen dal 1769 fino al 1777. Nel 1770, fece richiesta all'Imperatore Giuseppe di nominare una commissione su debito. La commissione fu dissolta nel 1782. Poiché la sua posizione finanziaria era ancora delicata, Luigi trasferì la sua sede di governo dal palazzo a Saarbrücken al piccolo padiglione di caccia nell'area circostante.

Nonostante la sua posizione finanziaria ristretta, Luigi fu in grado di completare alcuni progetti di costruzione. Nel 1769, costruì il palazzo di Ludwigberg e i giardini sulla Malstatter Bahn. Nel 1775, fece completare la Ludwigskirche ad opera di Friedrich Joachim Stengel, di cui suo padre aveva cominciato la costruzione.

Fu un sovrano assolutista illuminato. Egli emanò nuovi regolamenti per l'agricoltura e la silvicoltura e riformò il sistema scolastico. Egli riformò anche il codice penale e abolì la tortura.

Nel 1793, la sua salute stava venendo a mancare quando fuggì prima della rivoluzione francese a Aschaffenburg. Morì lì in esilio, e fu sepolto nella Chiesa evangelica di San Lorenzo a Usingen. Il 23 novembre 1995, il suo corpo fu trasferito nella chiesa del castello di Saarbrücken.

NoteModifica

  • Albert Ruppersberg: Geschichte der Grafschaft Saarbrücken,vol. 2, Saarbrücken, 2nd ed., 1910 (reprinted: St. Ingbert, 1979), p. 295-372

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN20740829 · GND (DE12862910X · CERL cnp00501995 · WorldCat Identities (ENviaf-20740829
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie