Malësia

regione storica dell'Albania e del Montenegro

La Malësia è una regione storico geografica coincidente con l'Albania settentrionale e Montenegro meridionale. L'area è compresa tra il Lago di Scutari a sud e a nord con Podgorica fino a comprendere la città di Dulcigno. La Malësia è costituita dalle "cinque montagne" (in albanese Pesë Male) e da sette Bajrake (feudi amministrati dai clan)

Il nome "Malësia" potrebbe essere tradotto come "grande montuosità" o "altipiano". Nel corso del medioevo era conosciuto con il nome di Pulti; il nome Malësia fu usato solamente dopo il 1600 ed ebbe altre varianti del nome: Malsia, Malcia, Malësi, Malësija e Maltsia. In italiano, soprattutto nel Novecento, erano usate anche le trascrizioni Malessìa per indicare la regione e Malissor(i) per indicare gli abitanti.

StoriaModifica

Dopo l'occupazione dei loro territori da parte dell'Impero Ottomano, i Malësor si allearono con i montenegrini combattendo e resistendo agli Ottomani per molti secoli.
Tuttavia quando i Bushati (una famiglia di nobili albanesi) presero il controllo dell'Albania settentrionale (il Pascialato di Scutari dal 1757 al 1831), i Malësor (anche per questioni di sangue e tradizioni albanesi), spostarono al loro alleanza con questi ultimi ottenendo i maggiori vantaggi, come ad esempio l'esenzione dalle tasse, la possibilità di non dover fornire i propri uomini all'esercito ottomano e la possibilità di non essere assoggettati alle leggi di quell'impero.

Lega di PrizrenModifica

Dal 1878 e grazie alla Lega di Prizren i Malësor poterono gestire le nuove alleanze (con Greci e Serbi) per trarre vantaggi dall'indebolimento dei turchi dopo la Pace di Santo Stefano (3 marzo 1878) ed il Trattato di Berlino (13 luglio 1878). La Lega di Prizren fu fondata da Ali Pascià di Gusinje e fu in grado di raggruppare i territori degli albanesi (divisi tra i vari stati confinanti nella pace di Santo Stefano) sotto l'entità del Governo Provvisorio di Albania nell'Impero Ottomano e la dichiarazione del vilajet autonomo di Albania all'interno dello stesso (1881).

Battaglia di DeçiqModifica

 
Jezerca, uno dei picchi più alti della regione.

La battaglia ebbe luogo il 6 aprile 1911 sulla collina di Deçiq presso Tuzi, dove morirono molti Malësor e dopo aver sterminato un intero reggimento turco issarono la bandiera albanese per la prima volta dopo 432 anni.

Divisione politicaModifica

La Malësia dopo un congresso avvenuto dopo le due Guerre balcaniche fu divisa in due parti ed i territori degli Hoti, dei Trieshi, quello degli Koja e dei Gruda furono annessi al Montenegro mentre invece buona parte del territorio dei Kelmend passò all'Albania.

Contro il comunismoModifica

Per via dell'opposizione anticomunista dei loro signori feudali (Bajraktar o flamurtar, "alfiere") e dell'appoggio dato da loro all'occupazione italiana o alla fazione ballista albanese, alcuni Malësor furono considerati dal governo "nemici del popolo".

Certi (in particolare quelli più legati alla Chiesa cattolica e alle famiglie aristocratiche) subirono pesanti persecuzioni oppure migrarono in Jugoslavia per sfuggire al regime.

I sette clanModifica

La Malësia è costituita dai sette clan (Bajrak): Hoti, Grudë, Kelmendi, Kastrati, Shkreli, Trieshi e Koja e Kuçit. La storia dei clan si intrecciano con eventi storici determinanti per la storia delle nazioni della Penisola balcanica.

HotiModifica

La prima notizia sugli Hoti risale al 1330 quando il clan occupava le terre a occidente del Lago di Scutari e chiamate in latino montanea ottanorum (montagne di Hoti). Nel 1412 ebbero scontri con il clan montenegrino di Mataguzi per il possesso di terreni montani favorevoli alla pastorizia e finirono per scontrarsi in uno scontro armato dove morirono quattro membri del clan. Quando gran parte della Malësia fu occupato dal regno di Zeta (odierno Montenegro) molti del clan si insediarono nella regione di Plav. Secondo una leggenda un uomo di nome Keq Preka (albanese) e i suoi cinque figli migrarono dall'attuale Bosnia ed Erzegovina all'Albania fondando il clan Hoti. Secondo gli storici questa leggenda ha fondamenta storiche poiché molti albanesi della Malësia migrarono dall'attuale Bosnia, per via dell'invasione ottomana nei Balcani, per poi rifugiarsi nell'Albania settentrionale e Kosovo. Il clan ebbe molta importanza soprattutto nella Battaglia di Deçiq quando, guidati dal loro comandante Ded Gjo Luli, sbaragliarono le forze ottomane e per la prima volta dopo circa cinquecento anni di dominazione ottomana sventolarono una bandiera albanese. Il clan è quasi interamente cattolico ed è molto devoto a San Giovanni Battista (Shën Gjoni o Shnjoni) ed il 29 agosto viene festeggiato il suo martirio.

 
Bajraktar da Shkreli

GrudëModifica

Il clan Grudë ebbe molta importanza durante il conflitto turco-albanese che si concluse con l'indipendenza albanese nel 1912. Il clan ebbe anche conflitti con i montenegrini che volevano occupare la fortezza di Scutari. La loro capitale è Tuzi nell'odierno Montenegro.

Cognomi Grudë: Ivezaj - Bajraktar di Gruda; Gjokaj (figlio di Ban Gruda) Vojvoda di Gruda; Lulgjuraj; Haxhaj (Adzovic); Frluçkaj (Lulgjuraj); Nikaj; Neziraj; Sinishtaj; Berishaj; Gjolaj; Beqaj; Bojaj; Kalaj; Kajoshaj; Stanaj; Lulanaj; Lulanaj; Pepaj (Ivezaj) Hakaj; Vulaj (fratello di Stanaj, figlio di Ban Gruda); Vuçinaj.

KelmendiModifica

Kelmendi (Клименти, Klimenti) è uno dei clan principali della Malësia. I klemendi parlano un subdialetto ghego più arcaico rispetto ai dialetti locali. Le famiglie appartenenti al clan si possono trovare a Plav ed a Rugova. Il nome Kelmendi deriva da San Clemente (in albanese Shen Klimenti), patrono della regione.
Il clan Kelmendi è stato menzionato per la prima volta nel 1485 con il nome Celmente e fu riconosciuto come derbend dall'impero ottomano, il che gli comportava una maggiore importanza di "status etnico" riconoscendogli privilegi economici ed una maggior autonomia politico-culturale.
Durante il 1400 gestivano le rotte commerciali da Plav a Đakovica (Kosovo).

Nel 1540 circa 2500 Klementi si insediarono a Pešter (o Pešterska Visoravan, in Serbia), molti dei quali ritornarono nel 1706. Negli anni seguenti il clan sostenne altri clan montenegrini e albanesi per contrastare i turchi.

Marino Bizzi, arcivescovo di Antivari, nel 1610 li menziona come "popoli quasi tutti latini e di lingua albanese e dalmata". Bizzi fa anche riferimento a quanto accaduto nel 1613, quando dei soldati ottomani sotto il comando di Arslan Pasha attaccarono i Kelmendi radendo al suolo un villaggio intero.
Dopo l'accaduto i turchi chiesero un riscatto di 1000 ducati, richiesta che il clan si rifiutò di pagare preferendo invece contrattaccare alle forze ottomane stanziate nella zona liberando così i prigionieri, uccidendo trenta cavalieri nemici e riuscendo a scacciare le forze ottomane fino alla fortezza di Castelnuovo.

Nel 1614 insieme ai clan di Kuçi e Piperi scrissero una lettera indirizzata ai re di Francia e Spagna affermando di essere indipendenti dall'Impero Ottomano. Nel 1615 assieme ad Ali-paša Čengić attaccarono Cattaro. Nel 1615 aiutarono il Sanjak Bej di Scutari a difendere la città dai montenegrini.
Giorgio Stampaneo, un prete di Mirdizia, afferma nei suoi scritti che la città di Peć dovesse pagare annualmente 3000 ducati.

 
vallata ne pressi di Selce
 
Vallata nella Malesia
 
bunker nella regione di Kelmendi

La regione in cui abitano è costituito da sei città: Boga, Nikç, Selcë, Tamarë, Vermosh e Vukël.

  • Vermosh: Tinaj, Miraj, Bujaj, Bunjaj, Cali, Hasanaj, Hysaj, Lelçaj, Lekutanaj, Lumaj, Macaj, Mitaj, Mrnacaj/Mernaçaj, Naçaj, Peraj, Pllumaj Preljocaj (anche Tinaj), Racaj, Selmanaj, Shqutaj, Vukaj, Vuktilaj, Vushaj
  • Vukël: Pepushaj, Vukli, Nilaj, Vucinaj, Vucaj, Mirukaj, Gjikolli, Drejaj, Martini, Aliaj, Dacaj, Gjelaj, Nicaj, Kajabegolli
  • Tamarë: Bunjaj, Bujaj, Rukaj, Mrnacaj/Mernaçaj, Lelcaj, Vukaj, cekaj,
  • Nikç: Smajlaj, Preldakaj, Nikçi, çunga, Rukaj, Gildedaj, Prekelezaj, Mirukaj, Hasaj, Nikac, Ceca Deda, Kapaj,
  • Selcë: Miraj, Tinaj, Bujaj, Mrnacaj/Mernaçaj, Vushaj, Pllumaj, Lekutanaj, Vukaj, Rugova, Bikaj, Ujkaj, Alijaj, Hutaj

KastratiModifica

Il clan fu menzionato per la prima volta nel 1416. Secondo una leggenda locale il clan discende da un uomo di nome Krsto fratello di Grča, antenato di Kuçi. Il patrono del clan è San Marco.

ShkreliModifica

La migrazione del clan ebbe origine nel 1700 spostandosi dalla costa dalmata al Sangiaccato fino al Kosovo presso Peć (Peja). Il nome Shkreli deriva da "San Carlo" (albanese Shen Kerli). Appena giunti in Albania costruirono una chiesa dedicata al santo. Molti discendenti del clan abitano tuttora in Kosovo e a Dulcigno. Durante il diciottesimo secolo migrarono nella regione di Pešter e di Novi Pazar (in Serbia) e tuttora nei villaggi di Boroštica e Gradac nell'altopiano di Pešter si parla l'albanese (ghego).

Koja e KuçitModifica

È il clan meno numeroso. Il clan combatté nella Battaglia di Deçiq dove diedero la vita personaggi definiti come eroi e sono Dokë Preci Krcaj, Cakë Uci Ivanaj, Gjeto Toma Kolcaj, Tomë Uci Ivanaj, Kolë Doka Marashaj, Marash Leca Gjokaj e Gjeto Gjeka Ivanaj.

Cognomi Koja e Kuçit

 
Paesaggio nei pressi di Vermosh

Ulaj (serbo: Uljaj / Ul(j)ević) Kolçaj (serbo: truncation: Koljčević) - discendenti di Marashaj / Maraševići. Nucullaj (serbo: Nuculović) Marashaj (serbo: Marašević) Ivanaj (serbo: Ivan(ov)ić) Lucaj (serbo: L(j)ucević, Ljucović) Cungaj(serbo: çungich) Krcaj (serbo: Krcić) Gjokaj (serbo: Đokić, Đoković) Gjeloshaj (serbo: Đelošević(Bakić) Gorvokaj (serbo: Gorvokaj) Nikaj (serbo: Nikić) Pali (serbo: Paljevic)

AntropologiaModifica

Il monaco francescano Gjergj Fishta compose la sua opera intitolata Lahuta e Malcís (Il "lute" degli altopiani) in cui descrisse modi di dire, rito dei matrimoni, funerali e battesimi nonché leggende, mitologia, battaglie storiche e leggi tribali.

Anton Harapi, filosofo albanese, scrisse "Andrra e Pretashit" (il sogno di Pretash) dedicato al popolo di Malësia.

Il più antico testo scritto in dialetto malesor di Kelmendi e Kastrati fu scritto circa quattro secoli e mezzo fa da Gjon Buzuku, un prete cattolico.
I linguisti affermano che il dialetto malesor parlato ai giorni nostri è rimasto invariato da almeno cinque secoli.

Nel 1908 Edith Durham visitò la Malësia e rimanendo affascinata dai costumi tradizionali alquanto particolari per via del loro copricapo chiamato qeleshe(di origine illirica) ne documentò le tradizioni locali.

 
Malesia in inverno

BibliografiaModifica

  • ALBANIAN JOAN OF ARC.; Handsome Heroine Takes Father's Place and Vanquishes Turks.
  • MALESIA.ORG :: MALESIA NË INTERNET - Histori
  • Robert Elsie (2005). Albanian Literature: A Short History. I.B.Tauris. p. 236. ISBN 978-1-84511-031-4. Retrieved 29 May 2012.
  • Elsie, Robert. "Gjergj Fishta, The Voice of The Albanian Nation". Archived from the original on April 5, 2011. Retrieved April 5, 2011. "Fishta was not uninfluenced or unmoved by the literary achievements of the southern Slavs in the second half of the nineteenth century... the role played by Franciscan pater Grga Martic whose works served the young Fishta as a model... by the writings of an earlier Franciscan writer, Andrija Kacic-Miosic ...by the works of Croatian poet Ivan Mazhuranic... the Montenegrin poet-prince Petar Petrovic Njegos... His main work, the epic poem, Lahuta e Malcís(The highland lute), ... propagates anti-Slavic feelings and makes the struggle against the Ottoman occupants secondary."
Controllo di autoritàVIAF (EN130394069 · LCCN (ENn2005041815
  Portale Albania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Albania