Apri il menu principale
Manly Palmer Hall

Manly Palmer Hall (Peterborough, 18 marzo 1901Los Angeles, 29 agosto 1990) è stato uno scrittore e mistico canadese.

Indice

OpereModifica

La sua opera più importante è The Secret Teachings of All Ages: An Encyclopedic Outline of Masonic, Hermetic, Qabbalistic and Rosicrucian Symbolical Philosophy, pubblicata nel 1928, quando l'autore aveva appena 27 anni. In oltre 70 anni di carriera letteraria, Hall ha scritto più di 150 libri e saggi, senza contare i numerosi articoli scritti su varie riviste.

In merito al scuola pitagorica, asserì che il filosofo di Samo era convinto che la matematica e la filosofia fossero strettamente collegate e condividessero l'intuizione del divino.
Convintosi dopo lunghi viaggi che le scuole misteriche condividevano la credenza secondo la quale Dio si identifica con la creazione (immanentismo), Pitagora sintetizzò i saperi esistenti all'epoca in una dottrina unitaria, per la quale fondò una scuola misterico-iniziatica e estese applicazioni pratiche[1].

Pitagora trasformò la numerologia babilonese in una scienza sacra, da cui già nei secoli passati erano state derivate la Kabbalah e le scienze matematiche delle civiltà confinanti. Essendo credenza diffusa tra gli Antichi Greci che la musica fosse la lingua degli dei, Pitagora applicò l'alfabeto greco alla numerologia e inventò il monocordo, riuscendo a determinare i rapporti numerici (canoni) fra le note della spartito musicale.
Nella sua scuola sviluppò la matematica delle armoniche sostenendo che esistesse una "musica delle sfere" celesti, che dovevano produrre un'"onda musicale" dello stesso tipo di quella generata dai pianeti che si approssimano intorno al Sole, a intervalli regolari armonici e secondo le stesse leggi che governano anche la diffrazione della luce bianca negli altri colori e i "nodi di ipertoni" che crescono sulle note musicali[1].

La "Philosophical Research Society"Modifica

Nel 1934, Hall ha fondato la Philosophical Research Society (PRS/Società di ricerca filosofica) a Los Angeles, California, una fondazione no-profit dedicata allo studio di religioni, mitologia, metafisica e occulto. La PRS possiede una libreria costituita da oltre 50 mila volumi, che vende e pubblica libri spirituali e di metafisica, la maggior parte dei quali scritti da Hall.

MassoneriaModifica

Già prima di entrare in Massoneria, fu per parecchi anni il patrono del Masonic Research Group di San Francisco. Il 28 giugno 1954 fu iniziato in Massoneria nella Jewel Lodge No. 374 di San Francisco (in seguito United Lodge); il 20 settembre dello stesso anno passò compagno e il 22 novembre diventò maestro. Un anno dopo entrò nel Rito scozzese antico ed accettato[2], nel quale raggiunse il 32º grado a San Francisco[3]. L'8 dicembre 1973 gli fu conferito il 33º grado durante una cerimonia che si svolse nei locali della "Philosophical Research Society"[4][5]. Nel 1985, a Washington D.C., gli fu conferita la Gran Croce del Rito scozzese antico ed accettato, la massima onorificenza della Giurisdizione sud degli Stati Uniti d'America[6].

NoteModifica

  1. ^ a b   (EN) Pitagora, i segreti di tutti di le epoche, su youtube (archiviato il 9 dicembre 2016).
    «Was Pithagoras that articulated harmonical math to the west (min. 3:39-3:42)».
    , con sottotitoli (citati anche min. 0:40; 1:55; 2:13)
  2. ^ manlyphall.org, http://www.manlyphall.org/. URL consultato il 28 settembre 2009.
  3. ^ William R. Denslow, 10,000 Famous Freemasons, vol. ii, [Trenton, MO. : Missouri Lodge of Research / Educational Bureau, Royal Arch Mason Magazine], 1958, p. 165.
  4. ^ MPH Biography, su prs.org. URL consultato il 13 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2011).
  5. ^ Manly P. Hall's Obituary, Scottish Rite Journal, November, 1990, p. 22. Archived copy, su srmason-sj.org. URL consultato il 13 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2007)..
  6. ^ The Supreme Council – Is It True What They Say About Freemasonry? – The Methods of Anti-Masons Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN108273122 · ISNI (EN0000 0001 1080 8618 · LCCN (ENn79055248 · GND (DE136855725 · BNF (FRcb12611780b (data) · NLA (EN35163575 · BAV ADV10208851 · NDL (ENJA00442225 · WorldCat Identities (ENn79-055248