Manny Villar

imprenditore e politico filippino
Manny Villar
Manny Villar T'nalak Festival 2009.jpg

25º Presidente del Senato della Repubblica delle Filippine
Durata mandato 24 luglio 2006 –
17 novembre 2008
Presidente Gloria Macapagal-Arroyo
Predecessore Franklin Drilón
Successore Juan Ponce Enrile

Senatore della Repubblica delle Filippine
Durata mandato 30 giugno 2001 –
30 giugno 2013

20º Presidente pro tempore del Senato delle Filippine
Durata mandato 23 luglio 2001 –
12 agosto 2002
Presidente Gloria Macapagal-Arroyo
Predecessore José de Venecia Jr.
Successore Arnulfo Fuentebella

18º Presidente della Camera dei rappresentanti delle Filippine
Durata mandato 27 luglio 1998 –
13 novembre 2000
Presidente Joseph Estrada

Membro della Camera dei rappresentanti delle Filippine - distretto legislativo di Las Piñas
Durata mandato 30 giugno 1992 –
30 giugno 2001
Predecessore Filemón Aguilar
Successore Cynthia Villar

Dati generali
Partito politico Lakas-NUCD (1992-1998; 2010-2013)
LAMMP (1998-2000)
Indipendente (2000-2003)
NP (dal 2003)
LP (dal 2013)
Titolo di studio Economia aziendale (1970)
Università Università delle Filippine
Professione Imprenditore

Manuel Bamba Villar Jr., detto Manny (Tondo, 13 dicembre 1949), è un imprenditore e politico filippino. È stato membro del Senato delle Filippine dal 2001 al 2013 ed è presidente del Partito Nazionalista dal 2003.

Nacque da una povera famiglia a Tondo, uno dei quartieri più miseri e popolati di Manila. Dopo aver frequentato l'Università delle Filippine iniziò a lavorare come ragioniere e poi come analista finanziario, prima di lanciare un business di grande successo nel settore immobiliare. Le sue imprese hanno costruito oltre 200.000 abitazioni, rendendolo uno degli uomini più ricchi del proprio paese.

Iniziò la propria carriera politica nel 1992 come rappresentante del distretto legislativo di Las Piñas, divenuto sin da allora la roccaforte della dinastia politica dei Villar. Al contempo divenne lo speaker della camera dei rappresentanti e presiedette l'impeachment nei confronti del Capo di Stato Joseph Estrada nel 2000. L'anno seguente fu eletto nel Senato, divenendone il Presidente dal 2006 al 2008. Successivamente rappresentò il Partito Nazionalista alle elezioni presidenziali del 2010, dove fu sconfitto da Benigno Aquino III.

Collegamenti esterniModifica