Il mantice è uno strumento meccanico che produce un soffio d'aria.

Mantice per attizzare del fuoco
Mantice di un organo (nella parte sinistra)

ApplicazioniModifica

Viene usato per alimentare il fuoco di fucine, forni o semplicemente di un camino, ma anche come componente in alcuni strumenti musicali come l'organo, l'harmonium, la fisarmonica e la concertina.

DescrizioneModifica

Esempio di un mantice manuale

Si presenta in genere come una sacca in pelle (o materiali con analoghe proprietà meccaniche) con i contorni pieghettati in modo da facilitarne la compressione; l'aria spinta da tale compressione viene emessa attraverso un ugello. Alternativamente, l'aria può essere spinta all'esterno da un sistema a pistone.

EtimologiaModifica

Il termine deriva dal latino mantica, "sacchetta"[1], o (per spiegare la desinenza -e) dal plurale della stessa parola manticae, "sacchi, bisacce". Non è esclusa una parentela con mantello, a sua volta dal latino mantellum e questo da un tema mediterraneo *manta[2].

NoteModifica

  1. ^ Carlo Battisti, Giovanni Alessio, Dizionario etimologico italiano, Firenze, Barbera, 1950-57.
  2. ^ Giacomo Devoto, Avviamento all'etimologia italiana, Milano, Mondadori, 1979.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4844083-8
  Portale Meccanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meccanica