Maqam arabo

Il maqam arabo (in arabo: مقام‎, maqām, letteralmente "luogo"; plurale مقامات‎ tradotto: maqāmāt) è il sistema di modalità melodiche utilizzato nella musica araba tradizionale, che è principalmente melodica. La parola maqam in arabo significa luogo, collocazione o posizione. Il maqam arabo è un tipo di melodia. È "una tecnica di improvvisazione" che definisce i toni, i modelli e lo sviluppo di un brano musicale e che è "unico per la musica araba".[1] Ci sono settantadue righe di toni eptatonici o scale di maqamat.[1] Questi sono costruiti da secondi maggiori, neutri e minori. Ogni maqam è costruito su una scala e porta una tradizione che definisce le sue frasi abituali, le note importanti, lo sviluppo melodico e la modulazione. Sia le composizioni che le improvvisazioni nella musica araba tradizionale si basano sul sistema maqam. I maqamat possono essere realizzati con musica vocale o strumentale e non prevede una componente ritmica.

Un fattore essenziale nell'esecuzione è che ogni maqam descrive il "fattore tonale-spaziale" o insieme di note musicali e le relazioni tra di esse, compresi i modelli tradizionali e lo sviluppo della melodia, mentre la "componente ritmico-temporale" non è soggetta a nessuna organizzazione definita".[2] Un maqam non ha "uno schema di battute stabilito e periodicamente ricorrente né un metro immutabile. Un certo ritmo a volte identifica lo stile di un artista, ma questo dipende dalla sua tecnica di esecuzione e non è mai una caratteristica del maqam in quanto tale".[2] L'aspetto compositivo o piuttosto precomposizionale del maqam è l'organizzazione tonale-spaziale che comprende il numero di livelli di tono e l'aspetto improvvisativo è la costruzione dello schema ritmico-temporale.[2]

StoriaModifica

La designazione del maqam apparve per la prima volta nei trattati scritti nel XIV secolo da al-Sheikh al-Safadi e Abdulqadir al-Maraghi e da allora è stato usato come termine tecnico nella musica araba. Il maqam è una struttura modale che caratterizza l'arte della musica dei paesi del Nordafrica, del Vicino Oriente e dell'Asia centrale. In quest'area possiamo distinguere tre principali culture musicali che appartengono tutte alla famiglia modale del maqam, l'araba, la persiana e quella turca.

Sistema di accordaturaModifica

Le note di un maqam non sono accordate nel temperamento equabile (il che significa che i rapporti di frequenza dei toni successivi non sono necessariamente identici, a differenza della scala cromatica usata nella musica occidentale moderna). Un maqam determina anche altre cose, come la tonica (nota iniziale), la nota finale e la nota dominante. Determina inoltre quali note dovrebbero essere enfatizzate e quali no.[3]

I maqam arabi si basano su una scala musicale di 7 note che si ripete all'ottava. Alcuni maqam hanno 2 o più scale alternative (ad esempio Rast, Nahawand e Hijaz). Le scale dei maqam nella musica araba tradizionale sono microtonali, non basate su un sistema di accordatura musicale di dodici toni uguali, come nel caso della moderna musica colta occidentale. La maggior parte delle scale di maqam include una quinta perfetta o una quarta perfetta (o entrambe) e tutte le ottave sono perfette. Le rimanenti note in una scala di maqam possono o non possono esattamente cadere su semitoni. Per questo motivo le scale del maqam sono per lo più insegnate oralmente e ascoltando a fondo il repertorio musicale tradizionale arabo.

NotazioneModifica

Poiché gli intervalli microtonali sono poco pratici da annotare accuratamente, all'inizio del XX secolo fu adottato un sistema di notazione musicale semplificato nella musica araba. A partire da una scala cromatica, la scala araba è divisa in 24 quarti di tono uguali, dove un quarto di tono è uguale a mezzo semitono in una scala temperata in modo equabile di 12 toni. In questo sistema di notazione tutte le note in una scala di maqam sono arrotondate al quarto di tono più vicino.

Questo sistema di notazione non è esatto poiché elimina i dettagli microtonali, ma è molto pratico perché consente di notare le scale dei maqam usando la notazione standard occidentale. I quarti di tono possono essere annotati usando il segno semi-bemolle (  o  ) o il segno semi-diesis ( ). Quando trascritte con questo sistema di notazione, alcune scale di maqam includono quarti di tono, mentre altre no.

In pratica i maqam non vengono eseguiti in tutte le chiavi cromatiche e sono più rigidi da trasporre delle scale nella musica occidentale, principalmente a causa dei limiti tecnici degli strumenti arabi. Per questo motivo i semi-diesis raramente si trovano nelle scale del maqam ed i semi-bemolle più utilizzati sono Mi , Si  e meno frequentemente La .

IntonazioneModifica

Il sistema a 24 toni è interamente una convenzione notazionale e non influisce sull'effettiva intonazione precisa delle note eseguite. I musicisti arabi praticanti, pur usando la nomenclatura del sistema a 24 toni (semi bemolle e semi diesis), eseguono ancora i dettagli microtonali più fini che sono stati tramandati attraverso la tradizione orale.

Le scale dei maqam che non includono i quarti di tono (ad esempio Nahawand, ‘Ajam) possono essere eseguite su strumenti a temperamento uguale come il piano, tuttavia tali strumenti non possono riprodurre fedelmente i dettagli microtonali della scala del maqam. Le scale del maqam possono essere eseguite fedelmente su strumenti senza tasti (ad esempio l'oud o il violino) o su strumenti che consentono un grado sufficiente di accordabilità e controllo microtonale (ad esempio il ney o il qanun o il clarinetto). Sugli strumenti a corde con corde di acciaio, il controllo microtonale può essere ottenuto piegando le corde, come quando si suona il blues.

L'esatta intonazione di ogni scala di maqam cambia con il periodo storico, così come la regione geografica (come nel caso degli accenti linguistici, per esempio). Per questo motivo e poiché non è comune notare con precisione e accuratezza variazioni microtonali da una scala temperata uguale a dodici toni, le scale di maqam sono, in pratica, apprese in modo auditivo.

Fasi e toni centraliModifica

Ogni passaggio è costituito da una o più fasi che sono sezioni "suonate su un tono o all'interno di un'area tonale" e possono richiedere da sette a quaranta secondi per articolarsi. Ad esempio, un livello di tono centrato sul sol:[4]

 

I livelli tonali, o tonalità assiali, iniziano nel registro inferiore e salgono gradualmente al massimo, al culmine prima di scendere di nuovo, ad esempio (nella notazione influenzata dall'Europa):[5]

 

"Quando tutte le possibilità della strutturazione musicale di un tale livello di tono sono state completamente esplorate, la fase è completa."[5]

NucleoModifica

I toni centrali di un maqam sono creati da due intervalli diversi. Gli undici toni centrali del maqam utilizzati nell'esempio di sequenza della fase sopra possono essere ridotti a tre che compongono il "nucleo" del maqam:[6]

 

Le righe tonali dei maqamat possono essere identiche, come nel maqam bayati e nel maqam 'ushshaq turki:[6]

 

ma si distingue per nuclei differenti. Il bayati è mostrato nell'esempio sopra, mentre lo 'ushshaq turki è:[6]

 

AjnasModifica

Le scale maqam sono composte da piccoli gruppi di note consecutive che hanno una melodia molto riconoscibile e trasmettono un mood distintivo. Tale gruppo è chiamato jins (in arabo: جنس‎; plurale ajnās أجناس‎), che significa "genere" o "tipo". Nella maggior parte dei casi, un jins è composto da quattro note consecutive (tetracordo), sebbene esistano anche ajnas di tre note consecutive (tricordo) o cinque note consecutive (pentacordo).

Le ajnas sono i mattoni di una scala di un maqam. Una scala di maqam ha jins inferiori (o primi) e jins superiori (o secondi). Nella maggior parte dei casi i maqam sono classificati in famiglie o rami in base al loro jins inferiore. Il jins superiore può iniziare sulla nota finale del jins inferiore o sulla nota successiva. In alcuni casi le ajnas superiori e inferiori possono sovrapporsi. La nota di partenza del jins superiore è chiamata dominante ed è la seconda nota più importante in quella scala dopo la tonica. Le scale di maqam spesso includono ajnas secondarie che iniziano su note diverse dalla tonica o dalla dominante. Le ajnas secondarie sono evidenziate nel corso della modulazione.

I riferimenti sulla teoria musicale araba spesso differiscono sulla classificazione delle ajnas. Non esiste consenso su un elenco definitivo di tutte le ajnas, i loro nomi o le loro dimensioni. Tuttavia la maggior parte dei riferimenti concordano sui 9 ajnas di base, che costituiscono anche le principali famiglie di 9 maqam. Di seguito è riportato l'elenco delle 9 ajnas di base notate con notazione standard occidentale (tutte le note sono arrotondate al quarto di tono più vicino):

 
‘Ajam (عجم‎) tricordo,
partendo in Si bemolle
 
Bayati (بياتي‎) tetracordo,
partendo in Re
 
Hijaz (حجاز‎) tetracordo,
partendo in Re
 
Kurd (كرد‎) tetracordo,
partendo in Re
 
Nahawand (نهاوند‎) tetracordo,
partendo in Do
 
Nikriz (نكريز‎) pentacordo,
partendo in Do
 
Rast (راست‎) tetracordo,
partendo in Do
 
Saba (صبا‎) tetracordo,
partendo in Re
 
Sikah (سيكاه‎) tricordo,
partendo in Mi 

(per maggiori dettagli vedi Arabic Maqam Ajnas)

Famiglie MaqamModifica

Bayati (info file)
 

Hijaz (info file)
 

Jiharkah (info file)
 

Husayni ‘Ushayran (info file)
 

Rast (info file)
Shad ‘Araban (info file)
 

Huzam (info file)
 

Nawa Athar (info file)
 

Rahat al-Arwah (info file)
 

Saba (info file)
  • ‘Ajam -
‘Ajam (عجم‎)
Jiharkah (جهاركاه‎)
Shawq Afza ( شوق افزا‎ o شوق أفزا‎)
Ajam Ushayran (عجم عشيران‎)
  • Sikah
Bastah Nikar (بسته نكار‎)
Huzam (هزام‎)
‘Iraq (عراق‎)
Musta‘ar (مستعار‎)
Rahat al-Arwah (راحة الأرواح‎) (scritto Rahatol Arwah)
Sikah (سيكاه‎)
Sikah Baladi (سيكاه بلدي‎)
  • Bayati
Bayatayn (بیاتین‎)
Bayati (بياتي‎)
Bayati Shuri (بياتي شوري‎)
Husayni (حسيني‎)
Nahfat (نهفت‎)
Huseini Ushayran (حسيني عشيران‎)
Farahfaza (فرحفزا‎)
Nahawand (نهاوند‎)
Nahawand Murassah (نهاوند مرصّع‎ o نهاوند مرصع‎)
‘Ushaq Masri (عشاق مصري‎)
Sultani Yakah (سلطاني ياكاه‎)
  • Rast
Mahur (ماهور‎)
Nairuz (نيروز‎)
Rast (راست‎)
Suznak (سوزناك‎)
Yakah (يكاه‎)
Hijaz (حجاز‎)
Hijaz Kar (حجاز كار‎)
Shad ‘Araban (شد عربان‎)
Shahnaz (شهناز‎)
Suzidil (سوزدل‎)
Zanjaran (زنجران‎)
Hijazain (حجازين‎)
  • Saba
Saba (صبا‎)
Saba Zamzam (صبا زمزم‎)
  • Kurd
Kurd (كرد‎)
Hijaz Kar Kurd (حجاز كار كرد‎)
Lami (لامي‎)
Athar Kurd (أثر كرد‎)
Nawa Athar (نوى أثر‎ o نوى اثر‎)
Nikriz (نكريز‎)
Hisar (حصار‎)

Contenuto emotivoModifica

Si dice a volte che ogni maqam evoca un'emozione o un insieme di emozioni specifiche determinate dalla riga del tono e dal nucleo, con diversi maqam che condividono la stessa riga del tono ma differiscono nel nucleo e quindi nell'emozione. Si dice che maqam Rast susciti orgoglio, potere, solidità mentale e mascolinità.[7] Il maqam Bayati: vitalità, gioia e femminilità.[7] Sikah: amore.[7] Saba: tristezza e dolore.[8] Hijaz: il deserto lontano.[7]

In un esperimento in cui il maqam Saba è stato interpretato da un numero uguale di arabi e non arabi a cui è stato chiesto di registrare le loro emozioni in cerchi concentrici con le emozioni più deboli nei cerchi esterni, i soggetti arabi hanno riferito di aver vissuto il Saba come "triste", "tragico" e "pianto", mentre solo il 48 percento dei non arabi lo descriveva così con il 28 percento dei non arabi che descriveva sentimenti come "serietà", "desiderio" e "tensione" e il 6 percento provava sentimenti come "felice", "attivo" e "molto vivace" e il 10 percento non ha riscontrato alcun sentimento.[8]

Si dice che queste emozioni siano evocate in parte attraverso il cambiamento delle dimensioni di un intervallo durante una rappresentazione del ''maqam''. Il ''maqam'' Saba, per esempio, contiene nelle sue prime quattro note, Re, Mi , Fa, e Sol♭, due secondi medi uno più grande (160 centesimi) e uno più piccolo (140 centesimi) rispetto a un tono di tre quarti e un secondo minore (95 centesimi). Inoltre, il Mi  e il Sol♭ può variare leggermente, si dice per causare un umore "triste" o "sensibile".[9]

Parlando in generale si dice che ogni maqam susciti un'emozione diversa nell'ascoltatore. Ad un livello più elementare si afferma che ogni jins trasmette un umore o un colore diverso. Per questo motivo si dice che i maqam della stessa famiglia condividano un umore comune poiché iniziano con gli stessi jins. Non c'è consenso su quale sia esattamente l'umore di ogni maqam o jins. Alcune fonti descrivono gli stati d'animo del maqam usando una terminologia molto vaga e soggettiva (ad esempio i maqam che evocano "amore", "femminilità", "orgoglio" o "il deserto lontano"). Tuttavia non è stata effettuata alcuna seria ricerca utilizzando la metodologia scientifica su un campione diversificato di ascoltatori (sia arabi che non arabi), che dimostri che provano la stessa emozione quando ascoltano lo stesso maqam.

Tentare lo stesso esercizio nella più recente musica classica tonale significherebbe mettere in relazione uno stato d'animo con i modi maggiore e minore. In quel caso c'è un certo consenso sul fatto che la scala minore è "più triste" e la scala maggiore è "più felice".[10]

ModulazioneModifica

La modulazione è una tecnica utilizzata durante lo sviluppo melodico di un maqam. In termini semplici significa passare da un maqam a un altro (compatibile o strettamente correlato) maqam. Ciò comporta l'utilizzo di una nuova scala musicale. Un lungo brano musicale può modulare su molti maqamat ma di solito termina con il maqam iniziale (in rari casi lo scopo della modulazione è di terminare effettivamente con un nuovo maqam). Una forma più sottile di modulazione all'interno dello stesso maqam è spostare l'enfasi da un jins all'altro in modo da implicare un nuovo maqam.

La modulazione aggiunge molto interesse alla musica ed è presente in quasi tutte le melodie basate su maqam. Le modulazioni che piacciono all'orecchio sono create aderendo a combinazioni compatibili di ajnas e maqamat stabilite da tempo nella musica araba tradizionale. Sebbene tali combinazioni siano spesso documentate in fonti musicali, i musicisti più esperti le imparano ascoltando a fondo.

NoteModifica

  1. ^ a b Touma 1996, p. 38, 203.
  2. ^ a b c Touma 1996, p. 38.
  3. ^ Touma 1996, pp. 38-9.
  4. ^ Touma 1996, p. 40.
  5. ^ a b Touma 1996, p. 41.
  6. ^ a b c Touma 1996, p. 42.
  7. ^ a b c d Touma 1996, p. 43.
  8. ^ a b Touma 1996, p. 44.
  9. ^ Touma 1996, p. 45.
  10. ^ Thomas Fritz, Sebastian Jentschke, Nathalie Gosselin, Daniela Sammler, Isabelle Peretz, Robert Turner, Angela D. Friederici e Stefan Koelsch, Universal Recognition of Three Basic Emotions in Music, in Current Biology, vol. 19, 7ª ed., 2009, pp. 573–576, DOI:10.1016/j.cub.2009.02.058, PMID 19303300.

BibliografiaModifica

  • (FR) Salah el-Mahdi, La musique arabe : structures, historique, organologie, Parigi, Francia, Alphonse Leduc, Editions Musicales, 1972, ISBN 2-85689-029-6.
  • (FR) Frédéric Lagrange, Musiques d'Égypte, Cité de la musique / Actes Sud, 1996, ISBN 2-7427-0711-5.
  • (EN) Shireen Maalouf, History of Arabic music theory, Libano, Université Saint-Esprit de Kaslik, 2002, OCLC 52037253.
  • (EN) Scott Lloyd Marcus, Arab music theory in the modern period (Ph.D. dissertation), Los Angeles, University of California, 1989, OCLC 20767535.
  • (EN) Ali Jihad Racy, Making Music in the Arab World: The Culture and Artistry of Ṭarab, Cambridge; New York, Cambridge University Press, 2003, ISBN 0-521-30414-8.
  • (EN) Habib Hassan Touma, The Music of the Arabs, traduzione di Laurie Schwartz, Portland, Oregon, Amadeus Press, 1996, ISBN 0-931340-88-8.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh90004887 · GND (DE4168860-0 · BNF (FRcb12274840n (data) · J9U (ENHE987007536928105171
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica