Apri il menu principale

Marcantonio Bobba

cardinale e vescovo cattolico italiano
Marcantonio Bobba
cardinale di Santa Romana Chiesa
Marcantonio Bobba.jpg
Ritratto del cardinale Bobba
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1500 circa a Casale Monferrato
Ordinato presbitero1556
Nominato vescovo14 giugno 1557 da papa Paolo IV
Consacrato vescovo15 agosto 1557 dal cardinale Giovanni Angelo Medici di Marignano (poi papa)
Creato cardinale12 marzo 1565 da papa Pio IV
Deceduto18 marzo 1575 a Roma
 

Marcantonio Bobba (Casale Monferrato, 1500 circa – Roma, 18 marzo 1575) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Figlio del Conte Palatino Alberto, dei signori di Rossignano, nacque (a Casale o a Lu) da una nobile famiglia del Marchesato del Monferrato: studiò giurisprudenza all'Università di Torino e si addottorò in utroque iure.

Entrò presto nelle grazie del duca Emanuele Filiberto di Savoia, grazie al quale ottenne numerosi benefici ecclesiastici (fu abate commendatario di Pinerolo, Caramagna e San Giusto a Susa): dovette ricevere gli ordini minori attorno al 1556.

Emanuele Filiberto lo inviò a Roma come suo ambasciatore presso la Santa Sede: papa Paolo IV lo elesse vescovo di Aosta il 14 giugno 1557, e in tal veste prese parte ad alcune fasi del Concilio di Trento; non si occupò mai direttamente dell'amministrazione della sua diocesi e risiedette quasi sempre a Roma, dove partecipò al governo dello Stato della Chiesa (fu ispettore alle acque, ai ponti e alle pubbliche strade di Roma).

Il cardinale Giovanni Angelo Medici di Marignano che aveva presieduto la sua consacrazione episcopale, divenuto papa con il nome di Pio IV lo innalzò alla dignità cardinalizia nel concistoro del 12 marzo 1565: ottenne il titolo di San Silvestro in Capite e, nel 1572, optò per quello di San Marcello.

Morì a Roma nel 1575 e fu sepolto nella chiesa certosina di Santa Maria degli Angeli.

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89782926 · ISNI (EN0000 0000 6261 1780 · WorldCat Identities (EN89782926